CardiologiaOnline.it

Cardiologia

Deficit cognitivo e rischio di eventi cardiovascolari e di mortalità


Il deficit cognitivo può aumentare il rischio per tutti gli eventi cardiovascolari. È stata valutata prospetticamente l'associazione indipendente tra il punteggio alla scala MMSE ( Mini-Mental State Examination ) e infarto del miocardio, ictus, ricovero ospedaliero per insufficienza cardiaca e mortalità, e il composito cardiovascolare ( eventi cardiovascolari maggiori ), in una ampia popolazione ad alto rischio cardiovascolare.

Il Mini-Mental State Examination è stato eseguito al basale su 30.959 individui arruolati in due studi paralleli, di grandi dimensioni; i pazienti presentavano una precedente malattia cardiovascolare o erano ad alto rischio di diabete mellito.
Il periodo di follow-up medio è stato di 56 mesi.

È stata determinata l'associazione tra punteggio MMSE e gli eventi cardiovascolari incidenti e la mortalità non-cardiovascolare, aggiustati per età, sesso, istruzione, storia di eventi vascolari, fattori dietetici, pressione arteriosa, fumo, glicemia, lipoproteine a bassa densità ( LDL ), lipoproteine ad alta densità ( HDL ), farmaci cardiovascolari, esercizio fisico, assunzione di alcol, depressione e stress psicosociale.

I pazienti sono stati suddivisi in quattro gruppi in base al punteggio MMSE basale: 30 ( riferimento ), 29-27, 26-24 e minore di 24.

Rispetto ai pazienti con punteggio MMSE 30 ( n=9.624 ), quelli con i punteggi 29-27 ( n=13.867; hazard ratio, HR=1.08 ), 26-24 ( n=4764; HR=1.15 ) e inferiore a 24 ( n=2704; HR=1.35 ), hanno avuto un aumento graduale del rischio di eventi vascolari maggiori ( P minore di 0.0001 ).

Il punteggio Mini-Mental State Examination era significativamente associato a ciascuno dei singoli componenti del composito, eccetto che per l'infarto miocardico.
Inoltre non c'è stata alcuna associazione tra punteggio MMSE al basale e ospedalizzazione per angina instabile o nuova angina.

All'interno delle categorie MMSE, i deficit nell’orientamento spaziale ( HR=1.52 ), di attenzione-calcolo ( HR=1.10 ), di memoria di richiamo ( HR=1.10 ) e nella copia di un disegno ( HR=1.15 ) sono stati i più predittivi di eventi vascolari maggiori e di mortalità.

L'entità dell’aumento del rischio di eventi cardiovascolari associati a un punteggio MMSE inferiore a 24 è stata simile ad una storia precedente di ictus.

In conclusione, nelle persone ad aumentato rischio cardiovascolare, i deficit ai test cognitivi al basale sono associati ad un aumento graduale del rischio di ictus, insufficienza cardiaca congestizia e morte cardiovascolare, ma non di eventi coronarici.
Un punteggio MMSE inferiore a 24 ha aumentato il rischio di malattia cardiovascolare nella stessa misura di un precedente ictus. ( Xagena2012 )

O'Donnel M et al, Eur Heart J 2012; 33: 1777-1786

Cardio2012 Neuro2012



Indietro

2000-2014© XAGENA srl - P.IVA: 04454930969 - REA: 1748680 - Tutti i diritti riservati - Disclaimer