Cardiobase
Prevenzione e  Terapia dello Scompenso Cardiaco
Aggiornamenti in Aritmologia
Xagena Mappa

Una grave emorragia post-PCI segnala un rischio a lungo termine


Da un'analisi post hoc di uno studio randomizzato è emerso che, tra i pazienti sottoposti a un intervento coronarico percutaneo ( PCI ) primario per infarto miocardico con sopraslivellamento del segmento ST ( infarto STEMI ), l’avere un grave sanguinamento in ospedale è associato a conseguenze negative entro i tre anni successivi.

Una grave emorragia, non-CABG correlata, durante il ricovero dopo intervento coronarico percutaneo è risultata associata a un più alto tasso di mortalità a 3 anni ( 24.6% vs 5.4% ) e a maggiori eventi cardiovascolari avversi ( 40.3% vs 20.5% ).
Entrambe le differenze erano significative ( P minore di 0.0001 ).

Precedenti studi avevano identificato una associazione tra emorragia ed esiti nei pazienti sottoposti a intervento coronarico percutaneo per infarto STEMI.
Un'analisi combinata di tre studi aveva evidenziato che una emorragia grave entro 30 giorni dall’intervento era associata a una maggiore mortalità entro 1 anno.
Pochi studi, tuttavia, hanno esaminato l'emorragia durante il ricovero ospedaliero nello specifico.

I ricercatori hanno analizzato i dati dallo studio HORIZONS-AMI, in cui 3.345 su 3.602 pazienti con infarto STEMI ( 92.9% ) sono stati sottoposti a procedura PCI primaria.
Un'emorragia grave durante il ricovero non-CABG correlata si è verificata nel 6.9% dei pazienti.

Una significativa relazione tra emorragia ospedaliera e mortalità o eventi cardiovascolari avversi gravi ( morte, secondo infarto, ictus, o rivascolarizzazione di un vaso ischemico ) è stata osservata indipendentemente dall'intervallo di tempo selezionato durante il follow-up, entro 1 mese, tra 1 mese e 1 anno e tra 1 anno e 3 anni, anche se il rischio è stato maggiore nei primi 30 giorni.

Gravi emorragie durante il ricovero ospedaliero sono state associate anche con tassi a 3 anni di morte cardiovascolare, infarto miocardico, rivascolarizzazione del vaso ischemico bersaglio e ictus ( P minore o uguale a 0.02 per tutti ), ma non con la trombosi dello stent.

In un'analisi multivariata, un'emorragia grave durante il ricovero ospedaliero era un predittore indipendente di mortalità a 3 anni sia nella coorte totale ( hazard ratio, HR=2.80 ) che nei pazienti sopravvissuti alla dimissione ospedaliera ( HR=2.26 ).

I ricercatori hanno suggerito che le differenze nel consumo di farmaci al momento della dimissione tra i pazienti con e senza una grave emorragia durante il ricovero potrebbero, almeno in parte, spiegare l'associazione con la mortalità a 3 anni.

In particolare, i pazienti con emorragia grave venivano meno frequentemente dimessi durante una terapia con beta-bloccanti o con statine, in grado di migliorare la sopravvivenza dopo un infarto miocardico acuto. ( Xagena2011 ).

Fonte: Journal of American College of Cardiology, 2011

Cardio2011



Indietro