52 convegno cardiologia milano
Aggiornamenti in aritmologia
Prevenzione e  Terapia dello Scompenso Cardiaco
Associazione Silvia Procopio

Studio ODYSSEY OUTCOMES: Alirocumab riduce gli eventi cardiovascolari fatali e nonfatali


Lo studio ODYSSEY ( Evaluation of Cardiovascular Outcomes After an Acute Coronary Syndrome During Treatment With Alirocumab ) ha confrontato Alirocumab ( Praluent ) con placebo, aggiunto al trattamento con statine ad alta intensità o alla dose massima tollerata, dopo sindrome coronarica acuta ( ACS ) in 18.924 pazienti.
Alirocumab ha ridotto la prima occorrenza dell'endpoint primario composito ed è stato associato a un minor numero di decessi per qualsiasi causa.

Un'analisi pre-specificata ha determinato in che misura Alirocumab fosse in grado di ridurre gli eventi cardiovascolari non-fatali totali ( primi e successivi ) e le morti per tutte le cause nell'ODYSSEY OUTCOMES.

Con 3.064 primi eventi e 5.425 eventi totali, il trattamento con Alirocumab ha ridotto di 190 i primi eventi cardiovascolari non-fatali e di 385 gli eventi totali o i decessi, rispetto al placebo.

Alirocumab ha ridotto gli eventi cardiovascolari non-fatali totali ( hazard ratio, HR=0.87, intervallo di confidenza al 95%: da 0.82 a 0.93 ) e la mortalità ( HR=0.83, intervallo di confidenza del 95%: 0.71-0.97 ) in presenza di una forte associazione tra rischio di evento non-fatale e fatale.

Nei pazienti con sindrome coronarica acuta, il numero totale di eventi cardiovascolari non-fatali e decessi prevenuti con Alirocumab è stato il doppio del numero dei primi eventi prevenuti. ( Xagena2019 )

Szarek M et al, J Am Coll Cardiol 2019; 73: 387-396

Cardio2019 Endo2019 Farma2019


Indietro