Aggiornamenti in Aritmologia
Cardiobase
Prevenzione e  Terapia dello Scompenso Cardiaco
Xagena Mappa

Studio INSTANT: Eptifibatide nei pazienti con malattia coronarica diffusa sottoposti a impianto di stent a rilascio di farmaco


Il regime ottimale antiaggregante nei pazienti elettivi sottoposti a complessi interventi coronarici percutanei ( PCI ) non è ben definito.

Lo studio INSTANT ( INtegrilin plus STenting to Avoid myocardial Necrosis Trial ) ha valutato l'impatto della inibizione della glicoproteina IIb/IIIa ( GPIIb/IIIa ) con Eptifibatide ( Integrilin ) in soggetti clinicamente stabili con diffuse lesioni coronariche.

I pazienti con malattia coronarica stabile sottoposti a procedura PCI per mezzo di impianto superiore a 33 mm di stent a rilascio di farmaco, sono stati assegnati in modo casuale, in singolo cieco, alla combinazione Eparina ed Eptifibatide versus la sola Eparina.

L'endpoint primario era rappresentato dalle variazioni di creatin-chinasi MB ( CK-MB; misurata come concentrazione di massa ) post-PCI.
Gli endpoint secondari erano gli eventi avversi cardiovascolari maggiori ( MACE ) ( mortalità cardiaca, infarto miocardico o rivascolarizzazione d’urgenza ) e MACE più impiego di salvataggio dello inibitore GPIIb/IIIa.

Lo studio è stato interrotto a causa del lento arruolamento e per problemi di finanziamento dopo aver incluso un totale di 91 pazienti: 44 sono stati randomizzati a Eparina più Eptifibatide, e 47 alla sola Eparina.

L’analisi per l'endpoint primario ha mostrato una tendenza verso una minor tasso di alterazioni della creatin-chinasi MB post-PCI nel gruppo Eparina-più-Eptifibatide ( 41%), rispetto al gruppo solo Eparina ( 55%; rischio relativo, RR=0.74; p=0.169 ).

Trend simili, non-statisticamente significativi, sono stati trovati per i tassi di MACE, i singoli componenti, o MACE più impiego di salvataggio degli inibitori GPIIb/IIIa ( tutti p maggiore di 0.05 ).
In particolare, l’Eparina più Eptifibatide ha dimostrato di essere un trattamento sicuro con una non-comune incidenza di sanguinamenti maggiori o emorragie minori, non-significativamente diverso nei due gruppi ( tutti p maggiore di 0.05 ).

Data la mancanza di potere statistico, lo studio INSTANT non ha potuto fornire prove definitive contro o a favore della somministrazione di routine di Eptifibatide nei pazienti stabili sottoposti a impianto di multipli stent a rilascio di farmaco per la malattia coronarica diffusa. Tuttavia, è stato evidenziato un trend favorevole per l'endpoint primario. ( Xagena2012 )

Biondi-Zoccai G et al, Am Heart J 2012; 163: 835.e1-7


Cardio2012 Farma2012


Indietro