Prevenzione e  Terapia dello Scompenso Cardiaco
52 convegno cardiologia milano
Aggiornamenti in aritmologia
Associazione Silvia Procopio

Stratificazione del rischio ed esiti dei pazienti anziani con cardiomiopatia ipertrofica


La cardiomiopatia ipertrofica è preminentemente associata a rischio di morte improvvisa e a progressione della malattia, soprattutto nei pazienti giovani.
Non è chiaro se i pazienti di età più avanzata corrano rischi simili, spesso creando dilemmi clinici, in particolare nelle decisioni per la prevenzione primaria della morte improvvisa con defibrillatori impiantabili.

Sono stati studiati 428 pazienti consecutivi con cardiomiopatia ipertrofica di 60 anni di età e oltre, e sono stati seguiti in media per 5.8 anni; il 53% era rappresentato da donne.

Dei 428 pazienti, 279 ( 65% ) sono sopravvissuti a 73 anni ( range 61-96 anni ), la maggior parte ( n=245, 88% ) senza sintomi o con sintomi lievi, compresi 135 soggetti con uno o più fattori di rischio convenzionali per morte improvvisa e 50 ( 37% ) con tardiva captazione del Gadolinio.

Nel corso del follow-up, 149 ( 35% ) persone sono decedute a circa 80 anni di età, per lo più per cause non-correlate a cardiomiopatia ipertrofica ( n=133, 31% ), compresa una quota sostanziale per malattia non-cardiaca ( n=54 ). 16 pazienti ( 3.7% ) hanno avuto eventi di mortalità correlati a cardiomiopatia ipertrofica ( 0.64% per anno ), incluso ictus embolico ( n=6 ), insufficienza cardiaca progressiva o trapianto ( n=3 ), complicanze postoperatorie ( n=2 ) ed eventi di morte aritmica improvvisa ( n=5, 1.2%, 0,20% per anno ).

La mortalità per tutte le cause è aumentata nei pazienti con cardiomiopatia ipertrofica di 60 anni di età e oltre in confronto con una popolazione generale degli Stati Uniti abbinata per età, principalmente a causa di malattie non-correlate a cardiomiopatia ipertrofica ( P minore di 0.001; tasso di mortalità standard 1.5 ).

In conclusione, i pazienti con cardiomiopatia ipertrofica sopravvissuti nella settima decade di vita sono a basso rischio di morbilità / mortalità correlata alla malattia, compresa la morte improvvisa, anche con fattori di rischio convenzionali.
Questi dati non sono a sostegno di una scelta profilattica aggressiva con defibrillatore in età avanzata nella cardiomiopatia ipertrofica.
Altre comorbidità cardiache o non-cardiache hanno un maggiore impatto sulla sopravvivenza rispetto alla cardiomiopatia ipertrofica nei pazienti più anziani. ( Xagena2013 )

Maron BJ et al, Circulation 2013; 127: 585-593

Cardio2013



Indietro