52 convegno cardiologia milano
Aggiornamenti in aritmologia
Prevenzione e  Terapia dello Scompenso Cardiaco
Associazione Silvia Procopio

Spettro ed esiti dei pazienti sottoposti a impianto di un defibrillatore cardioverter impiantabile dopo arresto cardiaco improvviso abortito


La maggior parte degli studi di prevenzione secondaria sul defibrillatore cardioverter impiantabile ( ICD ) sono stati pubblicati due decenni fa.
È stata descritta una coorte di pazienti che hanno subito un impianto di un ICD dopo un arresto cardiaco improvviso ( SCA ) abortito .
Sono stati valutati retrospettivamente i pazienti tra il 2005 e il 2013.

Sono stati analizzati i predittori di mortalità complessiva o di trapianto cardiaco.
Sono stati inclusi in totale 250 pazienti ( 76.4% di sesso maschile, 48.7 anni di età media ) con un follow-up medio di 49.6 mesi.

La presenza di una cardiopatia strutturale è stata considerata come la causa principale di arresto cardiaco improvviso abortito in 160 pazienti ( 64% ).

In 90 pazienti ( 36% ), non è stata osservata alcuna cardiopatia strutturale, con pazienti molto più giovani ( 40.9 anni rispetto a 53.0 anni nel gruppo malattia cardiaca strutturale; P minore di 0.0001 ).

I tassi stimati a 5 anni di mortalità o trapianto cardiaco sono stati rispettivamente del 14.3% e del 5.2% nel gruppo con e senza cardiopatia strutturale ( hazard ratio, HR=4.65; P=0.014 ).

I tassi stimati a 5 anni di una terapia ICD appropriata nell'area di fibrillazione ventricolare sono stati del 16.7% e del 25.1%, rispettivamente, nei pazienti senza e con malattia cardiaca strutturale ( P=0.24 ).

Solo la frazione di eiezione ventricolare sinistra è rimasta indipendentemente associata alla mortalità o al trapianto cardiaco ( HR=0.94; P=0.0004 ).
Complessivamente, 69 pazienti ( 27.6% ) hanno presentato almeno 1 complicanza correlata al dispositivo ICD.

In conclusione, confrontati con gli studi chiave di prevenzione secondaria, gli attuali pazienti che hanno subito un impianto di ICD dopo arresto cardiaco improvviso abortito sono più giovani, con un'alta percentuale di cuori strutturalmente normali.
Rispetto ai pazienti senza cardiopatia strutturale, che hanno mostrato un esito relativamente favorevole, i pazienti con malattia cardiaca strutturale presentano un rischio quadruplo di morte durante il follow-up.
La frazione di eiezione ventricolare sinistra ridotta rimane il principale fattore di influenza. ( Xagena2018 )

Extramiana F et al, Am J Cardiology 2018; 121: 149-155

Cardio2018



Indietro