Prevenzione e  Terapia dello Scompenso Cardiaco
Cardiobase
Aggiornamenti in Aritmologia
Xagena Mappa

Sostituzione valvolare aortica transcatetere: esiti dei pazienti con moderata o grave insufficienza mitralica


Poco si sa sull'influenza del rigurgito mitralico sugli esiti dopo sostituzione della valvola aortica transcatetere ( TAVR ).

Uno studio ha valutato l'impatto del rigurgito mitralico sugli esiti dopo la sostituzione della valvola aortica transcatetere e l'impatto di tale intervento sul rigurgito mitralico.

Gli esiti dei pazienti con rigurgito mitralico lieve o minore ( n=319 ), moderato ( n=89 ) e grave ( n=43 ) sono stati valutati dopo sostituzione della valvola aortica transcatetere in due Centri canadesi.

I pazienti con rigurgito mitralico moderato o grave hanno avuto un tasso di mortalità più elevato rispetto a quelli con rigurgito mitralico lieve o minore nei 30 giorni successivi alla sostituzione della valvola aortica transcatetere ( hazard ratio aggiustato, HR=2.10; P=0.02 ).
Tuttavia, i tassi di mortalità dopo 30 giorni erano simili ( HR=0.82; P=0.42 ).

Un anno dopo sostituzione della valvola aortica transcatetere, il rigurgito mitralico moderato è migliorato nel 58% dei pazienti, è rimasto moderato nel 17% ed è peggiorato fino a grave nell'1%, e il 24% dei pazienti è deceduto.
Il rigurgito mitralico grave è migliorato nel 49% dei pazienti ed è rimasto grave nel 16%, e il 35% dei pazienti è deceduto.

Predittori di rigurgito mitralico migliorato a 1 anno ( vs rigurgito mitralico invariato, peggiorato, o morte ) sono stati gradiente transaortico medio maggiore o uguale a 40 mmHg, rigurgito mitralico funzionale ( a differenza di strutturale ), assenza di ipertensione polmonare e assenza di fibrillazione atriale.

In conclusione, il rigurgito mitralico moderato o grave in pazienti sottoposti a sostituzione della valvola aortica transcatetere è associato a un alto tasso di mortalità precoce, ma non tardiva.
Ad 1 anno di follow-up, il rigurgito mitralico è migliorato nel 55% dei pazienti con rigurgito mitralico moderato o grave al basale. Il miglioramento è risultato più probabile nei pazienti con elevati gradienti transaortici, con rigurgito mitralico funzionale, senza ipertensione polmonare e senza fibrillazione atriale. ( Xagena2012 )

Toggweiler S et al, J Am Coll Cardiol 2012; 59: 2068-2074


Cardio2012



Indietro