Aggiornamenti in aritmologia
52 convegno cardiologia milano
Prevenzione e  Terapia dello Scompenso Cardiaco
Associazione Silvia Procopio

Sartani: quali indicazioni dallo studio VALUE ?


Un editoriale di Lars H Lindholm dell’Umea University ( Svezia ) ha cercato di rispondere al quesito:

Valsartan treatment of hypertension – does VALUE add value?

Lo studio VALUE ( Valsartan Antihypertensive Long-term Use Evaluation trial ) ha messo a confronto un antagonista del recettore dell’angiotensina II, Valsartan ( Diovan ), con un calcioantagonista, l’Amlodipina ( Norvasc ), per verificare gli effetti di queste due classi di farmaci sul rischio di malattia cardiovascolare.

Hanno preso parte allo studio 15.245 pazienti ipertesi ad alto rischio cardiovascolare.
Questi pazienti avevano un’età media di 67 anni, nel 58% erano maschi, la pressione media al basale era 155/87 mmHg, il 32% era affetto da diabete.

Il periodo di follow-up è stato di 4,2 anni.

Molti pazienti in entrambi i gruppi hanno necessitato della co-somministrazione di altri farmaci antipertensivi.
Il più alto dosaggio di Idroclorotiazide, un diuretico, è stato richiesto soprattutto dai pazienti del gruppo Valsartan.

La pressione sanguigna è risultata ridotta in entrambi i gruppi.
Tuttavia nel braccio Amlodipina si sono ottenute riduzioni maggiori dei valori pressori rispetto al gruppo Valsartan, soprattutto nel primo periodo dello studio clinico.

Nel 1° mese la differenza pressoria a favore dell’Amlodipina è stata di 4/2,1 mmHg.
A 6 mesi la differenza è stata di 2,1/1,6 mmHg, sempre a favore dell’Amlodipina ed è rimasta all’incirca a questo livello durante il rimanente periodo dello studio clinico.

Il Valsartan è stato somministrato al dosaggio di 80-160 mg/die, mentre l’Amlodipina a 5-10 mg/die.

L’end – point primario dello studio VALUE ( morbidità e mortalità cardiaca ) è stato raggiunto da 810 pazienti nel gruppo Valsartan ( 25,5 per 1.000 pazienti-anno ) e da 789 pazienti nel gruppo Amlodipina ( 24,7 per 1.000 pazienti-anno ).

Il diabete mellito di nuova insorgenza ( tipo 2 ) è risultat o meno frequente nei pazienti trattati con Valsartan che in quelli con Amlodipina ( 13,1% versus 16,4%; p < 0,0001 ).

Lo studio VALUE, e gli studi LIFE ( Losartan Intervention For Endpoint reduction in hypertension study ) e SCOPE ( Study on Cognition and Prognosis in the Elderly ) hanno fornito alcune indicazioni riguardo agli antagonisti del recettore dell’angiotensina 2 ( sartani ):

1) sembrano essere efficaci come gli altri farmaci antipertensivi nel prevenire gli eventi cardiovascolari ;

2) riducono la pressione sanguigna;

3) riducono l’incidenza di diabete di nuova insorgenza.


Lindholm LH, Lancet, 2004


Xagena2004

Cardio2004 Farma2004


Indietro