Prevenzione e  Terapia dello Scompenso Cardiaco
Aggiornamenti in aritmologia
52 convegno cardiologia milano
Associazione Silvia Procopio

Rivestimento enterico e non-responsività all'Aspirina nei pazienti con diabete mellito di tipo 2


Una limitazione dell'Aspirina ( Acido Acetilsalicilico ) è il fatto che alcuni pazienti, in particolare quelli con diabete mellito, potrebbero non presentare un effetto antipiastrinico ottimale.
Uno studio ha determinato se la biodisponibilità orale possa mediare la non-responsività.

La velocità e l'estensione della generazione di trombossano sierico e la farmacocinetica dell'Aspirina sono state misurate in 40 pazienti con diabete mellito in uno studio randomizzato, in singolo cieco.
I pazienti sono stati esposti a tre formulazioni di Aspirina da 325 mg: Aspirina normale, PL2200 ( una Aspirina a rilascio modificato a base di lipid i) e Aspirina con rivestimento enterico a rilascio ritardato.

L'inizio dell'attività antipiastrinica è stata determinata dalla velocità e dall'estensione dell'inibizione della generazione di trombossano B2 sierico ( TXB2 ).
La non-responsività dell'Aspirina è stata definita come un livello di TXB2 sierico residuo associato a un rischio trombotico elevato ( inibizione inferiore al 99.0% o TXB2 superiore a 3.1 ng/ml ) entro 72 ore dopo 3 dosi giornaliere di Aspirina.

La percentuale di non-risposta all'Aspirina è stata del 15.8%, 8.1% e 52.8% per Aspirina normale, PL2200 e Aspirina con rivestimento enterico, rispettivamente ( P minore di 0.001 per entrambi i confronti rispetto all'Aspirina con rivestimento enterico, P=0.30 per il confronto tra Aspirina normale e PL2200 ).

Analogamente, il 56% dei soggetti trattati con Aspirina con rivestimento enterico ha presentato livelli sierici di TXB2 superiori a 3.1 ng/ml, rispetto al 18% e all'11% dei soggetti dopo somministrazione di Aspirina normale e PL2200 ( P minore di 0.0001 ).

Rispetto ai risultati per Aspirina normale e PL2200, questo alto tasso di non-responsività con l'Aspirina con rivestimento enterico è stato associato a una minore esposizione all'Acido Acetilsalicilico ( media geometrica di concentrazione plasmatica massima C max inferiore del 63% e del 70% e AUC 0-t inferiore del 77% e 82%, area sotto la curva dal tempo 0 all'ultima volta misurata ) e riduzione massima del 66% e 72% più bassa di TXB2, con variabilità interindividuale marcata.

In conclusione, un'alta percentuale di pazienti trattati con Aspirina con rivestimento enterico non ha raggiunto la completa inibizione della generazione di TXB2 a causa dell'assorbimento incompleto.
La biodisponibilità ridotta può contribuire alla resistenza all'Aspirina nei pazienti con diabete MELLITO. ( Xagena2017 )

Bhatt DL et al, J Am Coll Cardiol 2017; 69: 603-612

Cardio2017 Farma2017


Indietro