Prevenzione e  Terapia dello Scompenso Cardiaco
52 convegno cardiologia milano
Aggiornamenti in aritmologia
Associazione Silvia Procopio

Ridotto consumo di ossigeno cerebrale fetale associato a più piccole dimensioni del cervello nei feti con cardiopatia congenita


L’ipossia fetale è implicata nello sviluppo cerebrale anormale osservato in neonati con cardiopatie congenite.
La nuova tecnologia di risonanza magnetica offre ora la possibilità di indagare il rapporto tra emodinamica fetale e sviluppo alterato del cervello.

Sono stati misurati le dimensioni del cervello del feto, la saturazione di ossigeno e il flusso di sangue nei vasi principali della circolazione fetale in 30 feti a gestazione avanzata con malattia coronarica e 30 controlli normali con risonanza magnetica con contrasto di fase e mappatura T2.

I parametri emodinamici fetali sono stati calcolati da una combinazione di risonanza magnetica di flusso e dati di ossimetria e concentrazioni di emoglobina fetale stimati dalle medie di popolazione.

Nei feti con cardiopatia congenita, le riduzioni nel contenuto di ossigeno della vena ombelicale ( P minore di 0.001 ) e il fallimento del normale flusso di sangue ossigenato dalla placenta all'aorta ascendente sono stati associati a una riduzione media della saturazione aortica ascendente del 10% ( P minore di 0.001 ), mentre il flusso ematico cerebrale e l'estrazione cerebrale di ossigeno non sono risultati diversi da quelli di controllo.

Questi dati hanno rappresentato una riduzione media del 15% nel trasporto di ossigeno cerebrale ( P=0.08 ) e una riduzione del consumo di ossigeno ( VO2 ) cerebrale del 32% nei feti con cardiopatia congenita ( P minore di 0.001 ), che erano associati a una riduzione del 13% del volume del cervello fetale ( P minore di 0.001 ).

Le dimensioni del cervello fetale sono risultate correlate con la saturazione dell'ossigeno dell'aorta ascendente e del consumo di ossigeno cerebrale ( r =0.37, P=0.004 ).

In conclusione, questo studio supporta l’esistenza di un collegamento diretto tra ridotta ossigenazione cerebrale e crescita alterata del cervello in feti con cardiopatia congenita e solleva la possibilità che lo sviluppo del cervello in utero possa migliorare con l'ossigenoterapia materna. ( Xagena2015 )

Sun L et al, Circulation 2015;131:1313-1323

Cardio2015 Neuro2015



Indietro