Prevenzione e  Terapia dello Scompenso Cardiaco
52 convegno cardiologia milano
Aggiornamenti in aritmologia
Associazione Silvia Procopio

Relazione temporale e significato prognostico della fibrillazione atriale nei pazienti con insufficienza cardiaca con frazione di eiezione conservata


Nei pazienti con insufficienza cardiaca e frazione d'eiezione preservata ( HFpEF ), la fibrillazione atriale può precedere, essere contemporanea, o svilupparsi dopo la diagnosi di HFpEF.

Obiettivo di uno studio è stato quello di definire la relazione temporale tra fibrillazione atriale e insufficienza cardiaca con frazione d'eiezione preservata per identificare i fattori associati alla fibrillazione atriale e per determinare l'impatto prognostico della fibrillazione atriale prevalente ed incidente nella insufficienza cardiaca con frazione d'eiezione preservata.

Dal 1983 al 2010, sono stati valutati 939 residenti di Olmsted County, Minnesota ( Stati Uniti ), età media 77 anni, 61% donne, con nuova diagnosi di insufficienza cardiaca e frazione d'eiezione preservata ( frazione di eiezione maggiore o uguale a 0.50 ).

La classificazione di base del ritmo comprendeva precedente fibrillazione atriale ( più di 3 mesi prima della diagnosi di HFpEF ), fibrillazione atriale concomitante ( più o meno di 3 mesi ), o ritmo sinusale.

La fibrillazione atriale incidente (più di 3 mesi dopo la diagnosi di insufficienza cardiaca e frazione d'eiezione preservata ) e la mortalità per tutte le cause sono state accertate fino a febbraio 2012.

La precedente fibrillazione atriale ( 29% ) e quella concomitante (23%) sono risultate associate a età avanzata, più alto livello di peptide natriuretico di tipo cerebrale e maggiore indice di volume atriale sinistro alla diagnosi di insufficienza cardiaca e frazione d'eiezione preservata, rispetto al ritmo sinusale.

Tra i pazienti con insufficienza cardiaca e frazione d'eiezione preservata in ritmo sinusale al momento della diagnosi, il 32% ha sviluppato fibrillazione atriale su un follow-up medio di 3.7 anni ( range interquartile 1.5-6.7 anni; 69 eventi per 1000 anni-persona ).

L'età e la disfunzione diastolica erano positivamente associate mentre l'uso di statine è risultato inversamente associato con la fibrillazione atriale incidente.

Con l’assenza di fibrillazione atriale utilizzata come riferimento, la fibrillazione atriale precedente o concomitante ( hazard ratio combinato, HR=1.3; P=0.03 ) e la fibrillazione atriale incidente, come covariata tempo-dipendente ( HR=2.1; P minore di 0.001 ), sono state indipendentemente associate con la morte dopo aggiustamento per le covariate pertinenti.

In conclusione, la fibrillazione atriale si verifica in due terzi dei pazienti con insufficienza cardiaca con frazione d'eiezione preservata nel corso della storia naturale della malattia e comporta una prognosi non-favorevole.
Sono necessari ulteriori studi per determinare se l'intervento per la fibrillazione atriale può migliorare gli esiti o se l'uso di statine può prevenire la fibrillazione atriale nella insufficienza cardiaca con frazione d'eiezione preservata. ( Xagena2013 )

Zakeri R et al, Circulation 2013; 128: 1085-1093

Cardio2013



Indietro