Prevenzione e  Terapia dello Scompenso Cardiaco
52 convegno cardiologia milano
Aggiornamenti in aritmologia
XagenaNewsletter

Promettenti risultati dell'Acido Bempedoico nella riduzione dei livelli di colesterolo LDL nei pazienti ad alto rischio


Il trattamento con Acido Bempedoico ha mostrato di inibire la biosintesi del colesterolo a livello epatico, comportando una riduzione significativa del colesterolo LDL dopo 12 settimane di trattamento nei pazienti ad alto rischio per eventi cardiovascolari che stavano ricevendo statine al dosaggio massimo tollerato e altre terapie ipolipemizzanti, arruolati nello studio CLEAR Wisdom.

Questi risultati seguono lo studio CLEAR Harmony, pubblicato su The New England Journal of Medicine ( NEJM ), che aveva mostrato una significativa diminuzione del colesterolo LDL dopo 12 settimane di trattamento con Acido Bempedoico associato a terapia statinica massimamente tollerata in pazienti con malattia cardiovascolare aterosclerotica, ipercolesterolemia familiare eterozigote o entrambi.

Lo studio di fase 3 ha arruolato 779 pazienti con malattia cardiovascolare aterosclerotica preesistente e/o ipercolesterolemia familiare eterozigote che stavano attualmente ricevendo la terapia con statine al dosaggio massimo tollerato con o senza un'altra terapia ipolipemizzante.

Il trattamento con Acido Bempedoico 180 mg una volta al giorno ha ridotto il colesterolo LDL ( endpoint primario ) alla settimana 12 del 17.4% rispetto al placebo ( P inferiore a 0.001 ).

I pazienti hanno continuato a prendere i farmaci dello studio per 1 anno in modo che i ricercatori potessero monitorare la sicurezza dell'Acido Bempedoico e la durata degli effetti del trattamento.

L'effetto sul colesterolo LDL osservato a 12 settimane è stato mantenuto per 1 anno.
Inoltre, è stato osservato un abbassamento del colesterolo LDL con Acido Bempedoico nei sottogruppi di intensità delle statine.
L'abbassamento è risultato più robusto con l'Acido Bempedoico ( -24.6% ) rispetto al placebo ( -2.6% ) nei pazienti che non assumevano le statine ( n = 77; variazione del 22%; P inferiore a 0.001 ).

A 12 settimane, il trattamento con Acido Bempedoico è stato associato a più alte diminuzioni del colesterolo totale ( -9.9% rispetto all'1.3%, P inferiore a 0.001 ), apolipoproteina B ( -9.3% versus 3.7%, P inferiore a 0.001 ), colesterolo non-HDL ( -10.8% versus +2.3%; P inferiore a 0.001 ) e proteina C-reattiva ad alta sensibilità ( -18.7% vs -9.4%; P = 0.039 ), rispetto al placebo.

Non ci sono state differenze significative tra i due gruppi per gli eventi avversi, eventi avversi gravi, interruzione del farmaco a causa di eventi avversi ed eventi avversi fatali.
Gli eventi cardiovascolari maggiori ( MACE-5: morte cardiovascolare, infarto miocardico non-fatale, ictus non-fatale, rivascolarizzazione coronarica e ospedalizzazione per angina instabile ) sono stati riportati nel 6.1% dei pazienti assegnati all'Acido Bempedoico rispetto all'8.2% di quelli che hanno ricevuto il placebo.

E' stata osservata una incidenza simile di eventi avversi ad esito fatale, come morte cardiovascolare nei gruppi Acido Bempedoico ( n = 4; 0.8% ) e placebo ( n = 2; 0.8% ).
Due ulteriori eventi avversi ad esito fatale nel gruppo Acido Bempedoico sono stati causati da avvelenamento da gas e shock settico.
Tutti gli eventi avversi fatali e gli eventi avversi gravi sono stati valutati come non-correlati al farmaco in studio.

Gli eventi avversi più comuni in questo studio sono stati nasofaringite e infezione del tratto urinario.

E' stato anche valutato l'impatto del trattamento nei pazienti con una storia di diabete mellito.
Non è emerso un peggioramento delle misurazioni glicemiche a 12 settimane nei pazienti con una storia di diabete rispetto al placebo.
La percentuale di pazienti con glicemia in trattamento di 126 mg/dL o superiore è stata del 69.7% con Acido Bempedoico rispetto al 75.3% con placebo.
A 12 settimane, l'emoglobina glicata ( HbA1c ) è risultata ridotta dello 0.08% nel gruppo Acido Bempedoico rispetto a un aumento dello 0.13% nel gruppo placebo.

I pazienti arruolati nello studio CLEAR Wisdom avevano un'età media di 64 anni e più del 60% erano uomini.
Al basale, tutti i pazienti presentavano colesterolo LDL superiore a 100 mg/dL e stavano già assumendo una statina al più alto dosaggio tollerato.
Oltre alla malattia cardiovascolare aterosclerotica, l'80% dei pazienti aveva un alto valore pressorio e il 30% soffriva di diabete.
Il 6% presentava ipercolesterolemia familiare.
Due terzi dei pazienti sono stati assegnati in modo casuale all'Acido Bempedoico e un terzo al placebo una volta al giorno come aggiunta alla statina che stavano già assumendo.

L'Acido Bempedoico è un pro-farmaco attivato nel fegato dalla acil-CoA sintetasi-1 a lunga catena; inibisce l'ATP-citrato liasi, un enzima a monte della HMG-CoA reduttasi, e aumenta i recettori LDL e abbassa il colesterolo LDL. ( Xagena2019 )

Fonte: American College of Cardiology ( ACC ) Scientific Session, 2019

Endo2019 Cardio2019 Farma2019


Indietro