Aggiornamenti in aritmologia
Prevenzione e  Terapia dello Scompenso Cardiaco
52 convegno cardiologia milano
Associazione Silvia Procopio

Prolasso mitralico aritmico e morte cardiaca improvvisa


Il prolasso della valvola mitrale può presentarsi con aritmie ventricolari e morte cardiaca improvvisa anche in assenza di perdite di compromissione emodinamica.
La base strutturale dell’instabilità elettrica ventricolare resta sfuggente.

Sono stati rivisti i dati di patologia cardiaca di 650 giovani adulti ( 40 anni o meno ) con morte cardiaca imporvvisa e sono stati riesaminati i casi con prolasso della valvola mitralica come unica causa di morte cardiaca improvvisa.

Sono stati identificati 43 pazienti con prolasso della valvola mitralica ( 7% di tutte le morti cardiache improvvise, 13% delle donne; mediana, 32 anni, 26 donne, età compresa tra 19 e 40 anni ).

Tra i 12 casi con ECG disponibile, 10 pazienti ( 83% ) avevano onde T invertite sulle derivazioni inferiori, e tutti avevano aritmie ventricolari da blocco di branca destra.

Un coinvolgimento di entrambi i lembi è stato riscontrato nel 70% dei casi.

Fibrosi ventricolare sinistra è stata rilevata all'esame istologico a livello dei muscoli papillari in tutti i pazienti, e a livello della parete inferiore basale nell’88% dei soggetti.

I pazienti vivi con prolasso della valvola mitrale con ( n=30 ) e senza ( soggetti di controllo; n=14 ) aritmie ventricolari complesse hanno subito un protocollo di studio che ha incluso una risonanza magnetica cardiaca con mezzo di contrasto.

I pazienti con blocco di branca destro tipo o aritmie ventricolari complesse polimorfe ( 22 donne, di età compresa tra 28 e 43 anni, mediana 41 anni ), hanno mostrato un coinvolgimento di entrambi i lembi valvolari nel 70% dei casi.

Un aumento ventricolare sinistro tardivo è stato identificato mediante risonanza magnetica cardiaca con mezzo di contrasto nel 93% dei pazienti rispetto al 14% dei soggetti di controllo ( P minore di 0.001 ), con una distribuzione regionale sovrapposta ai risultati istopatologici nei casi di morte cardiaca improvvisa.

In conclusione, prolasso della valvola mitrale è una causa sottostimata di morte cardiaca improvvisa di natura aritmica, soprattutto nelle giovani donne.
La fibrosi dei muscoli papillari e inferiori basali della parete ventricolare sinistra, indicando uno stiramento del miocardio in prossimità del lembo prolassante, è il segno distintivo strutturale in relazione con l'origine ventricolare delle aritmie.
La risonanza magnetica cardiaca con mezzo di contrasto può aiutare ad identificare in vivo questo substrato nascosto per la stratificazione del rischio. ( Xagena2015 )

Basso C et al, Circulation 2015; 132: 556-566

Cardio2015



Indietro