Aggiornamenti in aritmologia
Prevenzione e  Terapia dello Scompenso Cardiaco
52 convegno cardiologia milano
XagenaNewsletter

Lesioni cardiache comuni nei pazienti con COVID-19, associati ad aumentata mortalità


Il danno cardiaco è risultato essere comune nei pazienti con malattia da coronavirus 2019 ( COVID-19 ) ricoverati in un singolo Centro a Wuhan ( Cina ), ed è associato a un maggior rischio di mortalità ospedaliera.

In questa analisi di coorte retrospettiva, sono stati esaminati i dati di 416 pazienti ricoverati in ospedale per COVID-19 ( età mediana, 64 anni; intervallo, 21-95 anni; 50.7% donne ) con informazioni disponibili sul biomarcatore cardiaco che sono state trattate in un singolo Centro tra il 20 gennaio, 2020 e il 10 febbraio 2020, e seguiti fino al 15 febbraio 2020.
I dati clinici, di laboratorio, radiografici e terapeutici erano disponibili su cartelle cliniche elettroniche.
Gli esiti dei pazienti sono stati confrontati in quelli con e senza danno cardiaco e la relazione tra i tassi di danno cardiaco e la mortalità in ospedale è stata valutata utilizzando il modello di regressione multivariata di Cox aggiustata.

In questa coorte, i più comuni sintomi di presentazione erano: febbre ( n = 334; 80.3% ), tosse ( n = 144; 34.6% ) e respiro corto ( n = 117; 28.1% ).

Un totale di 82 pazienti ( 19.7%; età mediana, 74 anni; intervallo, 34-95 anni; 46.3% donne ) avevano lesioni cardiache, mentre 334 pazienti ( 80.3%; età mediana, 60 anni; intervallo, 21-90 anni; 51.8% donne ) no.

I pazienti con danno cardiaco rispetto a quelli senza danno erano più anziani ( P inferiore a 0.001 ), avevano più comorbidità, tra cui ipertensione ( 59.8% vs 23.4%, rispettivamente; P inferiore a 0.001 ), diabete mellito ( 24.4% vs 12.0%, rispettivamente; P =0.008 ) e malattia coronarica ( 29.3% vs 6.0%, rispettivamente; P inferiore a 0.001 ).

I pazienti con danno cardiaco versus senza danno avevano anche una conta leucocitaria elevata ( mediana, 9400; intervallo interquartile [ IQR ], 6900-13.800 vs 5.500; IQR, 4200-7400, rispettivamente ) e livelli più alti di: creatinina ( mediana, 1.15 mg/dL; IQR, 0.72-1.92 vs 0.64 mg/dL IQR, 0.54-0.78, rispettivamente ), aspartato aminotransferasi ( mediana, 40 U/L; IQR, 27-60 vs 29 U/L; IQR, 21-40, rispettivamente ), frammento N-terminale del propeptide natriuretico di tipo B ( mediano, 1.689 pg/mL; IQR, 698-3.327 vs 139 pg/mL; IQR, 51-335, rispettivamente ), troponina I ad alta sensibilità ( mediana, 0.19


Indietro