Aggiornamenti in aritmologia
52 convegno cardiologia milano
Prevenzione e  Terapia dello Scompenso Cardiaco
Associazione Silvia Procopio

La denervazione simpatica miocardica regionale predice il rischio di arresto cardiaco improvviso nella cardiomiopatia ischemica


Lo studio PAREPET ( Prediction of ARrhythmic Events with Positron Emission Tomography ) ha cercato di verificare l'ipotesi secondo la quale quantificare la mancanza di omogeneità nella innervazione simpatica del miocardio potrebbe identificare i pazienti a più alto rischio di arresto cardiaco improvviso.

La frazione di eiezione ventricolare sinistra ( FEVS ) è l'unico parametro per identificare i pazienti a rischio di arresto cardiaco improvviso che possono trarre beneficio da un defibrillatore cardiaco impiantabile ( ICD ).

Sono stati arruolati, in modo prospettico, 204 soggetti con cardiomiopatia ischemica ( FEVS minore o uguale al 35% ) ammessi all’impianto di defibrillatore cardiaco per la prevenzione primaria.

È stata utilizzata la tomografia ad emissione di positroni ( PET ) per quantificare la denervazione simpatica dell’infarto ( 11C-meta-idrossiefedrina, 11C-HED ), la perfusione ( 13N-ammoniaca ) e la vitalità ( 18F-2-desossiglucosio insulino-stimolato ).

L'endpoint primario era l’arresto cardiaco improvviso definito come morte aritmica o scarica del defibrillatore cardiaco impiantabile per fibrillazione ventricolare o tachicardia ventricolare maggiore di 240 battiti/minuto.

Dopo 4.1 anni di follow-up, l’arresto cardiaco improvviso per causa specifica è stato del 16.2%.

Il volume dell’infarto ( 22% vs 19% del ventricolo sinistro ) e la frazione di eiezione ventricolare sinistra ( 24% vs 28% ) non sono stati predittori di arresto cardiaco improvviso.

Per contro, i pazienti che hanno sviluppato arresto cardiaco improvviso hanno presentato una denervazione simpatica di maggiore entità ( 33% vs 26% del ventricolo sinistro, P=0.001 ) che riflette un miocardio denervato, ma vitale.

I terzili inferiori di denervazione simpatica avevano tassi di arresto cardiaco improvviso pari a 1.2% per anno e 2.2% per anno, mentre il terzile più alto presentava un tasso di 6.7% per anno.

I predittori multivariati di arresto cardiaco improvviso sono stati denervazione simpatica alla PET ( scansione tomografica della emissione di positroni ), indice del volume telediastolico ventricolare sinistro, creatinina, e nessuna inibizione della angiotensina.

Con cut-point ottimizzati, l'assenza di tutti i 4 fattori di rischio ha identificato un basso rischio ( 44% della coorte; arresto cardiaco improvviso inferiore a 1% per anno ); mentre la presenza di 2 o più fattori ha identificato un alto rischio ( 20% della coorte; arresto cardiaco improvviso di circa 12% per anno ).

In conclusione, nella cardiomiopatia ischemica, la denervazione simpatica valutata utilizzando 11C-HED PET predice la mortalità causa-specifica da arresto cardiaco improvviso indipendentemente dalla frazione di eiezione ventricolare sinistra e dal volume dell'infarto.
Ciò può fornire un migliore approccio per identificare i pazienti con maggiori probabilità di beneficiare di un impianto di un defibrillatore cardiaco. ( Xagena2014 )

Fallavollita JA et al, J Am Coll Cardiol 2014; 63: 141-149

Cardio2014



Indietro