Prevenzione e  Terapia dello Scompenso Cardiaco
Aggiornamenti in aritmologia
52 convegno cardiologia milano
Xagena Mappa

Esito a lungo termine della chiusura transcatetere del forame ovale pervio nei pazienti con embolia paradossa


La gestione ottimale dei pazienti con forame ovale pervio ( PFO ) ed eventi embolici paradossi è ancora tema di dibattito.
Inoltre, sono carenti i dati di studi a lungo termine su grandi popolazioni di pazienti.

Obiettivo di uno studio è stato quello di valutare gli esiti clinici immediati e il decorso clinico nel lungo periodo dei pazienti con forame ovale pervio ed eventi tromboembolici paradossi, sottoposti a chiusura transcatetere del forame ovale pervio.

Solo i pazienti con attacco ischemico transitorio ( TIA ) o ictus PFO-associato sono stati sottoposti a chiusura del forame ovale pervio.

I pazienti sono stati valutati clinicamente e ecocardiograficamente a 1, 6 e 12 mesi dopo la procedura e successivamente ogni anno.

Gli endpoint primari erano la morte, la recidiva di ictus o TIA.

Lo shunt residuo da destra a sinistra è stato monitorato mediante ecocardiografia transtoracica ( TTE ) o Doppler transcranico ( TCD ) a 6 mesi.

Hanno preso parte allo studio 202 pazienti, consecutivi, sottoposti a chiusura percutanea del forame ovale pervio per la prevenzione secondaria degli eventi tromboembolici.

La migrazione del dispositivo è stata osservata in un paziente 24 ore dopo la procedura. Nessun caso di morte o ictus correlata alla procedura si è verificata nel corso di un follow-up mediano di 3 anni.

Tre recidive di TIA sono state osservate entro i primi 6 mesi di follow-up.

La probabilità cumulativa stimata di tasso di sopravvivenza libera da eventi tromboembolici dopo la chiusura del forame ovale pervio è stata del 99% nei pazienti di 55 anni d’età o inferiore, 84% nei pazienti di età superiore a 55 anni ( p inferiore a 0.05 ), 94% e 100% nei pazienti con forma ovale pervio, rispettivamente, con o senza aneurisma del setto atriale ( p inferiore a 0.05 ).

Dei 188 ( 93% ) pazienti sottoposti a ecocardiografia transtoracica o doppler transcranico a 6 mesi di follow-up, 8 ( 4% ) hanno presentato un piccolo shunt residuo da destra a sinistra.

In conclusione, la chiusura transcatetere del forame ovale pervio è associata a bassa incidenza di complicanze in ospedale e bassa frequenza di recidiva di eventi tromboembolici al follow-up di lungo periodo. ( Xagena2011 )

Cifarelli A et al, Int J Cardiol 2011; 141: 304-310


Cardio2010 Chiru2010



Indietro