Prevenzione e  Terapia dello Scompenso Cardiaco
Cardiobase
Aggiornamenti in Aritmologia
Xagena Mappa

Efficacia clinica della Rosuvastatina nei pazienti con diabete mellito, sindrome metabolica o ipercolesterolemia familiare


Rosuvastatina ( Crestor ) riduce il colesterolo totale, il colesterolo LDL, l'apolipoproteina B, il colesterolo non HDL e i trigliceridi, e aumenta il colesterolo HDL.

Le risposte terapeutiche dopo somministrazione di Rosuvastatina sono state osservate entro una settimana, mentre la massima risposta avviene generalmente a quattro settimane e si mantiene nel lungo periodo.

Rosuvastatina ha dimostrato di essere efficace in un'ampia varietà di popolazioni di pazienti tra cui pazienti con diabete, pazienti con sindrome metabolica e pazienti con ipercolesterolemia familiare eterozigote ed omozigote.

Lo studio STELLAR ha confrontato Rosuvastatina con altre statine in pazienti ( n = 2240 ) con ipercolesterolemia di tipo IIa e IIb.

La Rosuvastatina 10mg ha ridotto il colesterolo LDL del 46% rispetto al basale.

Inoltre, Rosuvastatina 10mg è risultata significativamente più efficace nel ridurre il colesterolo LDL rispetto ad Atorvastatina 10mg, Simvastatina 10mg, 20mg e 40mg, e Pravastatina 10mg, 20mg e 40mg.

Rosuvastatina aumenta il colesterolo HDL.

Il meccanismo non è completamente noto, anche se si ipotizza che la Rosuvastatina riduca l'attività del CETP, una proteina di trasferimento degli esteri del colesterolo.

Nei pazienti con ipercolesterolemia familiare con livelli medi di colesterolo LDL di 291mg/dl, quelli trattati con Rosuvastatina hanno presentato una riduzione del colesterolo del 47% ( alla dose di 20mg/die ) e del 55% ( alla dose di 40mg/die ) contro una riduzione nei pazienti che hanno assunto Atorvastatina del 38% ( alla dose di 20mg/die ) e del 47% ( alla dose del 40mg/die ).

La differenza tra i due trattamenti non era statisticamente significativa.

Nei pazienti con ipertrigliceridemia ( Fredrickson di tipo IIb e IV ), Rosuvastatina ha ridotto, nell'arco di 6 settimane, i livelli di trigliceridi del 21% ( alla dose di 5mg/die ).

Lo studio COMETS ha coinvolto pazienti con sindrome metabolica e livelli di colesterolo LDL maggiori o uguali a 130mg/dl dimostrando che il trattamento di 6 settimane con Rosuvastatina 10mg ha ridotto il colesterolo LDL del 42.7% contro il 36% dell'Atorvastatina 10mg.
I livelli di colesterolo HDL sono aumentati del 9.5% e del 5.1%, rispettivamente.

Inoltre, un numero significativamente maggiore di pazienti del gruppo Rosuvastatina 10mg ha raggiunto i target per il colesterolo LDL raccomandata dalle linee guida NCEP ATP III, rispetto ai pazienti trattati con Atorvastatina 10mg ( 83% versus 72%, rispettivamente ).
Nello studio CORALL, rivolto a pazienti con diabete mellito di tipo 2 e dislipidemia, Rosuvastatina 10mg ha ridotto il colesterolo LDL del 46% contro il 41% di Atorvasttina 20mg, del 51% contro il 46% con Rosuvastatina 20mg ed Atorvastina 40mg, rispettivamente, e del 54% con Rosuvastatina 40mg contro il 48% dell'Atorvastatina 80mg. ( Xagena2005 )

Ferdinand KC, Expert Opin Pharmacother 2005; 6: 1897-1910

Cardio2005 Endo2005 Farma2005


Indietro