Prevenzione e  Terapia dello Scompenso Cardiaco
52 convegno cardiologia milano
Aggiornamenti in aritmologia
Associazione Silvia Procopio

Dissezione spontanea dell'arteria coronaria: esiti clinici e rischio di recidiva


La dissezione spontanea dell'arteria coronariaa ( SCAD ) è sottodiagnosticata ed è una importante causa di infarto miocardico, soprattutto nelle giovani donne.
Gli esiti cardiovascolari a lungo termine, inclusa la dissezione spontanea dell'arteria coronaria ricorrente, non sono stati riportati in modo adeguato.

Uno studio ha cercato di descrivere gli esiti cardiovascolari acuti e a lungo termine e di valutare i predittori di dissezione spontanea dell'arteria coronaria ricorrente.

I pazienti con dissezione spontanea dell'arteria coronaria non-aterosclerotici sono stati seguiti prospetticamente al Vancouver General Hospital ( Canada ) per accertare sistematicamente i fattori di base, i fattori predisponenti e precipitanti, le caratteristiche angiografiche, la rivascolarizzazione, l’uso di farmaci e gli eventi cardiovascolari in ospedale e a lungo termine.

Sono stati seguiti in modo prospettico 327 pazienti con dissezione spontanea dell'arteria coronaria. L'età media era di 52.5 anni, e il 90.5% era rappresentato da donne ( 56.9% in post-menopausa ).

Tutti i pazienti si sono presentati con infarto miocardico; il 25.7% aveva infarto miocardico con sopraslivellamento del tratto ST ( STEMI ), il 74.3% aveva infarto senza sopraslivellamento del segmento ST ( NSTEMI ), e l'8.9% presentava tachicardia ventricolare / fibrillazione ventricolare.

I fattori di stress emotivo precipitante sono stati riportati nel 48.3% e gli stress fisici nel 28.1% dei pazienti.

La displasia fibromuscolare era presente nel 62.7% dei casi, il disturbo del tessuto connettivo nel 4.9% e la malattia infiammatoria sistemica nell'11.9%.

La maggior parte dei soggetti ( 83.1% ) è stata inizialmente trattata clinicamente, con solo il 16.5% o il 2.2% sottoposto a intervento coronarico percutaneo ( PCI ) in ospedale o intervento chirurgico di bypass dell'arteria coronaria, rispettivamente.
La maggior parte dei pazienti con dissezione spontanea dell'arteria coronaria stava assumendo Aspirina ( Acido Acetilsalicilico ) e beta-bloccanti alla dimissione e al follow-up.

La permanenza in ospedale mediana è stata di 3.0 giorni, e il tasso complessivo di eventi avversi è stato del 7.3%.

Il follow-up a lungo termine mediano è stato di 3.1 anni e il tasso di eventi avversi cardiaci maggiori ( MACE ) è stato del 19.9% ( tasso di mortalità: 1.2%; infarto miocardico ricorrente: 16.8%; ictus / attacco ischemico transitorio [ TIA ]: 1.2%; rivascolarizzazione: 5.8% ).
La dissezione spontanea dell'arteria coronaria ricorrente si è verificata nel 10.4% dei pazienti.

Nel modello multivariato, solo l'ipertensione ha aumentato la dissezione spontanea dell'arteria coronaria ricorrente ( hazard ratio, HR=2.46; P=0.011 ) e l'uso dei beta-bloccanti l’ha diminuita ( HR=0.36; P=0.004 ).

In conclusione, nella ampia coorte con dissezione spontanea dell'arteria coronaria seguita prospetticamente, gli eventi cardiovascolari a lungo termine sono risultati comuni.
L'ipertensione ha aumentato il rischio di recidiva di dissezione spontanea dell'arteria coronaria, mentre la terapia con beta-bloccanti è sembrata essere protettiva. ( Xagena2017 )

Saw J et al, J Am Coll Cardiol 2017, 70: 1148-1158

Cardio2017



Indietro