Aggiornamenti in aritmologia
52 convegno cardiologia milano
Prevenzione e  Terapia dello Scompenso Cardiaco
XagenaNewsletter

Disfunzione microvascolare coronarica, rimodellamento ventricolare sinistro ed esiti clinici nei pazienti con insufficienza renale cronica

La disfunzione microvascolare coronarica è stata proposta come collegamento tra funzionalità renale anormale e compromissione della funzione cardiaca ed eventi cardiovascolari.

Sono state studiate le relazioni tra malattia renale cronica, disfunzione microvascolare coronarica, disfunzione cardiaca ed esiti cardiovascolari avversi.

I pazienti sottoposti a tomografia a emissione di positroni cardiaca, ecocardiogramma e accertamento della funzionalità renale presso il Brigham and Women's Hospital sono stati studiati longitudinalmente.

I pazienti liberi da manifesta malattia coronarica ( punteggio di stress riassuntivo inferiore a 3 e senza anamnesi di cardiopatia ischemica ), malattia valvolare e malattia organo-terminale sono stati seguiti per l'esito avverso composito di morte o ricovero per infarto del miocardio o insufficienza cardiaca.

La riserva di flusso coronarico ( CFR ) è stata determinata dalla tomografia a emissione di positroni.
Gli ecocardiogrammi sono stati impiegati per misurare le meccaniche cardiache: diastolica ( laterale e settale E/e ) e sistolica ( tensione globale longitudinale, radiale e circonferenziale ).

Le associazioni tra tasso di filtrazione glomerulare stimato ( eGFR ), riserva di flusso coronarico, indici diastolici e sistolici ed esiti cardiovascolari avversi sono state valutate in modelli adeguati e analisi di mediazione.

Dei 352 pazienti studiati ( età mediana, 65 anni; 63% donne; 22% neri ), il 35% aveva un eGFR inferiore a 60 ml x min-1 x 1.73 m−2, frazione di eiezione ventricolare sinistra mediana del 62%, e CFR mediana di 1.8.
La velocità eGFR e la riserva CFR sono risultati associati a indici diastolici e sistolici, nonché a futuri eventi cardiovascolari ( tutti P minore di 0.05 ).

Nei modelli multivariabili, la riserva di flusso coronarico, ma non la velocità eGFR, è stata associata in modo indipendente alla meccanica cardiaca e agli eventi cardiovascolari.
Le associazioni tra eGFR, meccanica cardiaca e gli eventi cardiovascolari sono state in parte mediate tramite la riserva di flusso coronarico.

La disfunzione microvascolare coronarica, ma non eGFR, è stata indipendentemente associata a meccanismi cardiaci anormali e a un aumentato rischio di eventi cardiovascolari.

La disfunzione microvascolare coronarica può mediare l'effetto della malattia renale cronica sulla funzione cardiaca anormale e sugli eventi cardiovascolari nei soggetti senza malattia coronarica manifesta. ( Xagena2020 )

Bajaj NS et al, Circulation 2020; 141: 21-33

Cardio2020 Nefro2020



Indietro