Aggiornamenti in Aritmologia
Prevenzione e  Terapia dello Scompenso Cardiaco
Cardiobase
Xagena Mappa

Dabigatran non inferiore al Warfarin nella prevenzione del tromboembolismo venoso ricorrente


Durante il 51st Annual Meeting dell'American Society of Hematology ( ASH ) sono stati presentati i dati dello studio RE-COVER che ha valutato Dabigatran etexilato ( Pradaxa ) rispetto al Warfarin ( Coumadin ) nei pazienti con tromboembolismo venoso acuto.

I pazienti con un recente episodio di tromboembolismo venoso, assegnati a Dabigatran hanno presentato la stessa percentuale di recidive di tromboembolismo di coloro che avevano assunto Warfarin ( 2.4% versus 2.1%, rispettivamente ).

Non sono state riscontrate differenze statisticamente significative riguardo alla sicurezza, tra cui sanguinamenti, sindrome coronarica acuta, e test anormali di funzionalità epatica.

Dabigatran è un inibitore diretto della trombina.

RE-COVER è uno studio di non-inferiorità, di fase III, che ha coinvolto 2.539 pazienti, e che ha messo a confronto Dabigatran etexilate ( 150 mg, 2 volte die; n=1.274 ) con Warfarin a dosi aggiustate per raggiungere valori INR compresi tra 2 e 3 ( n=1.265 ).

L’endpoint primario era rappresentato dall’incidenza a 6 mesi di tromboembolismo venoso ricorrente, sintomatico, e mortalità relativa.

L'incidenza di sanguinamenti maggiori è stata dell’1.6% nel gruppo Dabigatran e dell’1.9% nel gruppo Warfarin. L'incidenza di qualsiasi sanguinamento è risultata significativamente inferiore nel gruppo Dabigatran: 16.1% versus 21.9% ( hazard ratio, HR=0.71 ).

L’interruzione del trattamento a causa di eventi avversi è risultata più comune nel gruppo Dabigatran ( 9% ) rispetto al gruppo Warfarin ( 6.8% ) ( p=0.05 ).

I Ricercatori hanno dichiarato di non aver riscontrato tossicità epatica, osservata invece in passato con un altro inibitore diretto della trombina, Ximelagatran ( Exanta ).
I livelli di ALT ( alanina aminotransferasi ) e di bilirubina sono risultati elevati in 2 pazienti che stavano assumendo Dabigatran e in 4 nel gruppo Warfarin.

Lo studio ha alcune limitazioni, soprattutto riguardo alla selezione dei pazienti. Quasi tutti i pazienti erano di razza bianca e avevano normale funzione renale.
Inoltre, la somministrazione del farmaco è avvenuta dopo terapia parenterale; questo non ha permesso di valutare l’efficacia e la sicurezza di Dabigatran in monoterapia, o come trattamento del tromboembolismo venoso acuto.
L’esperienza con Ximegalatran ha indicato che la monoterapia era associata a un più alto tasso di recidiva di tromboembolismo venoso rispetto al trattamento con Warfarin. ( Xagena2009 )

Fonte: American Society of Hematology ( ASH ) – Meeting, 2009


Cardio2009 Farma2009


Indietro