Aggiornamenti in aritmologia
Prevenzione e  Terapia dello Scompenso Cardiaco
52 convegno cardiologia milano
Associazione Silvia Procopio

Combinazione di farmaci SSRI e antiaggreganti piastrinici dopo infarto miocardico acuto: rischio di sanguinamento maggiore


I pazienti che assumono Acido Acetilsalicilico ( Aspirina ) o la duplice terapia antiaggregante in combinazione con un inibitore selettivo della ricaptazione della serotonina ( SSRI ) per la depressione dopo un attacco di cuore possono avere un aumentato rischio di sanguinamento, secondo un gruppo di ricercatori della McGill University di Montréal, Canada.

È pertanto necessario valutare i benefici della terapia con farmaci SSRI rispetto al rischio di sanguinamento in questi pazienti.

Sono state studiate le potenziali interazioni farmacologiche tra SSRI e farmaci antiaggreganti piastrinici, in quanto entrambi sono comunemente prescritti ai pazienti dopo un attacco cardiaco, e singolarmente sono associati a rischi emorragici.

Uno studio retrospettivo ha incluso 27.058 pazienti ( età 50 anni o più ) che sono stati dimessi dall'ospedale con la terapia antiaggregante dopo infarto miocardico acuto ( IMA ) tra il 1998 e il 2007.
Tutti i pazienti sono stati seguiti fino al ricovero in ospedale a causa di un episodio di sanguinamento ( gastrointestinale, ictus emorragico, o altri sanguinamenti ), infarto miocardico acuto ricorrente, morte o fine del periodo di studio.

Complessivamente, 14.426 pazienti hanno ricevuto solo Acido Acetilsalicilico alla dimissione, 2.467 hanno ricevuto solo Clopidogrel ( Plavix ), 9.475 hanno ricevuto la duplice terapia antiaggregante piastrinica ( combinazione di Acido Acetilsalicilico e Clopidogrel ), 406 hanno ricevuto Acido Acetilsalicilico e un SSRI, 239 hanno ricevuto la duplice terapia antiaggregante e un SSRI, e 45 hanno ricevuto Clopidogrel e un SSRI.

Dallo studio è emerso che i pazienti che hanno assunto un SSRI in combinazione con la terapia antiaggregante hanno presentato un aumento significativo del rischio di sanguinamento.

In effetti, coloro che hanno preso un SSRI e Acido Acetilsalicilico sono andati incontro a un aumento significativo di 1.42 volte del rischio di sanguinamento maggiore rispetto a coloro che hanno assunto l'Acido Acetilsalicilico da solo.

Inoltre, i pazienti trattati con SSRI e duplice terapia antiaggregante hanno avuto un aumento significativo di 2.35 volte del rischio di sanguinamento maggiore rispetto a coloro che hanno preso l'Acido Acetilsalicilico da solo, e un rischio di 1.57 volte maggiore rispetto ai soggetti trattati con la doppia terapia antiaggregante piastrinica senza aver preso un SSRI.

I risultati non hanno subito variazioni in base al grado di affinità degli SSRI verso i trasportatori della serotonina, o quando i pazienti che assumevano farmaci che potevano interagire con Clopidogrel sono stati esclusi dall'analisi.

In conclusione, i medici devono essere cauti nel prescrivere farmaci SSRI ai loro pazienti con depressione maggiore dopo infarto miocardico acuto.
Le potenziali interazioni farmacologiche devono essere valutate per orientare la scelta del farmaco. ( Xagena2011 )

Fonte: Canadian Medical Association Journal, 2011


Cardio2011 Psyche2011 Farma2011


Indietro