Aggiornamenti in Aritmologia
Prevenzione e  Terapia dello Scompenso Cardiaco
Xagena Mappa
Xagena Newsletter

Cardiotossicità da antracicline


Le antracicline sono tossiche e possono causare scompenso cardiaco anche dopo lungo tempo dal trattamento antitumorale.

Si ritiene che i danni dapprima lievi possano progredire fino ad una malattia miocardica permanente.
La cardiomiopatia successivamente dà origine a scompenso cardiaco.

La cardiotossicità delle antracicline può infatti essere classificata in acuta e subacuta, cronica e sequele tardive.

La tossicità acuta e subacuta si verifica entro alcune ore a pochi giorni dalla somministrazione delle antracicline ed è caratterizzata dalla comparsa di aritmie sopraventricolari e ventricolari, sindromi miocardiche e pericardiche ed episodi di vasospasmo cardiaco.

La tossicità cronica è invece caratterizzata dalla comparsa di uno scompenso cardiaco congestizio, entro 1 mese dalla somministrazione dell’ultima dose di antraciclina.
Il periodo di latenza può anche essere di 1-2 anni.

Le sequele tardive si verificano dopo 1 anno o più dalla fine del trattamento chemioterapico con antracicline e sono da addebitarsi a perdita di tessuto miocardico.

Queste alterazioni sono progressive negli anni e possono condurre ad una riduzione della contrattilità cardiaca, e quindi ad uno scompenso cardiaco conclamato.

L’esatto meccanismo alla base della cardiomiopatia da antracicline non è ancor ben definito.
L’ipotesi più accreditata è quella che coinvolge i radicali liberi.
Le antracicline andrebbero a formare complessi con il ferro, generando radicali liberi.

I radicali liberi esplicano la loro azion etossica a livello cardiaco mediante la perossidazione dei lipidi delle membrane mitocondriali e del reticolo sarcoplasmatico.

L’aumentato stress ossidativo è causa di alterazioni subcellulari nel miocardio.

Gli Ace-inibitori sarebbero in grado di produrre nei pazienti trattati durante l’infanzia con antracicline, e presentanti grave disfunzione ventricolare sinistra, un miglioramento transitorio de lla struttura e delle dimensioni del ventricolo sinistro.( Xagena2004 )


Fonte: Iarussi D et al, Ital Heart J Suppl 2004; 5: 294-297


Cardio2004 Onco2004 Farma2004


Indietro