Aggiornamenti in aritmologia
52 convegno cardiologia milano
Prevenzione e  Terapia dello Scompenso Cardiaco
Associazione Silvia Procopio

Cangrelor somministrato al momento della procedura PCI riduce le complicanze ischemiche in misura maggiore rispetto a Clopidogrel


Lo studio CHAMPION PHOENIX ha mostrato che il farmaco antiaggregante Cangrelor, un inibitore P2Y12, somministrato al momento dell'intervento coronarico percutaneo ( PCI ) riduce le complicanze ischemiche meglio del Clopidogrel ( Plavix ).

Il tasso composito di mortalità, infarto miocardico, o rivascolarizzazione guidata dalla ischemia, a 48 ore, è stata pari al 4.7% con Cangrelor contro 5.9% di una dose di carico di Clopidogrel ( p=0.005 ).
Questa riduzione del 22% delle complicanze ischemiche ha prodotto un NNT ( numero necessario da trattare per ottenere un beneficio terapeutico ) per Cangrelor di 84.

Il rischio di grave sanguinamento non è risultato significativamente differente tra i gruppi.

Cangrelor è un farmaco che viene somministrato per via endovenosa e che ha come bersaglio la attivazione piastrinica mediante inibizione P2Y12.
Ha caratteristiche simili a quelle di Clopidogrel e Prasugrel ( Efient, Effient ) e Ticagrelor ( Brilinta, Brilique ), ma con inizio immediato e una breve emivita di soli 3-5 minuti.
La funzione piastrinica ritorna alla normalità entro un'ora dopo la infusione.

Lo studio CHAMPION PHOENIX ha interessato 11.145 pazienti, che dovevano essere sottoposti a procedura PCI.
I pazienti sono stati assegnati in modo casuale a trattamento con bolo e infusione di Cangrelor ( 30 mcg/kg e poi 4 mcg/kg/minuto ) oppure con una dose di carico di 600 o 300 mg di Clopidogrel.

Tutti i pazienti hanno ricevuto duplice terapia antiaggregante con Acido Acetilsalicilico ( Aspirina ) e Clopidogrel nelle prime 48 ore dopo la procedura.

La necessità della somministrazione di glicoproteina IIb/IIIa ( GP IIb/IIIa ) come terapia di salvataggio nel corso del procedimento era meno comune nel gruppo Cangrelor ( 2.3% versus 3.5%, p inferiore a 0.001 ).

Le complicazioni da procedura si sono verificate meno spesso nel gruppo Cangrelor ( 3.4% versus 4.5%, p=0.002 ).

Cangrelor ha mostrato benefici riguardo all’endpoint secondario di trombosi dello stent a 48 ore, con un tasso dello 0.8% contro l’1.4% nel gruppo Clopidogrel ( odds ratio OR=0.62, P=0.01 ).

A 30 giorni, i pazienti trattati con Cangrelor hanno presentato un rischio inferiore del 15% dell'endpoint primario composito ischemico ( 6.0% versus 7.0%, p=0.03 ) e un rischio di trombosi dello stent inferiore del 32% ( 1.3% vs 1.9%, p=0.01 ).

Gli eventi avversi si sono verificati con frequenza simile nei vari gruppi; l’incidenza di dispnea transitoria è stata più alta nel braccio Cangrelor ( 1.2% vs 0.3%, p inferiore a 0.001 ).

Riguardo all'endpoint primario di sicurezza, il grave sanguinamento secondo i criteri GUSTO si è verificato nello 0.16% nel gruppo Cangrelor, rispetto allo 0.11% nel gruppo Clopidogrel ( p=0.44 ).

Non sono state osservate differenze in tutti i sottogruppi, inclusi i pazienti con infarto miocardico con sopraslivellamento del tratto ST, sindrome coronarica acuta, e angina stabile. ( Xagena2013 )

Fonte: American College of Cardiology ( ACC ) Meeting, 2013


Cardio2013 Farma2013


Indietro