Prevenzione e  Terapia dello Scompenso Cardiaco
52 convegno cardiologia milano
Aggiornamenti in aritmologia
Associazione Silvia Procopio

Assunzione di grassi polinsaturi stimata con biomarcatori circolanti e rischio di malattie cardiovascolari e di mortalità per tutte le cause in una popolazione di 60 anni


Un alto apporto di acidi grassi polinsaturi ( PUFA ) può ridurre il rischio di malattie cardiovascolari e di mortalità.
Sono necessari grandi studi prospettici con entrambi i sessi e con i PUFA circolanti come biomarcatori alimentari.
Sono state studiate le associazioni sesso-specifiche dei principali PUFA alimentari, Acido Eicosapentaenoico ( EPA ), Acido Docosaesaenoico ( DHA ), Acido Linoleico e Acido alfa-Linolenico, con malatta cardiovascolare incidente e la mortalità per tutte le cause in una coorte basata sulla popolazione.

I PUFA negli esteri del colesterolo nel siero sono stati misurati al basale in donne ( n=2.193 ) e uomini ( n = 2039 ) svedesi di 60 anni.
Con l'uso di Registri nazionali, sono stati identificati 484 eventi cardiovascolari incidenti ( 294 uomini e 190 donne ) e 456 decessi per tutte le cause ( 265 uomini e 191 donne ) durante il follow-up ( mediana, 14.5 anni ) in individui senza precedente malattia cardiovascolare al basale.

Le associazioni dei PUFA con la malattia cardiovascolare e la mortalità sono state valutate con modelli di rischio proporzionale di Cox.
Nei modelli multivariati aggiustati, un aumento di 1-SD di Acido Eicosapentaenoico e Acido Docosaesaenoico sono stati associati a un minor rischio di malattie cardiovascolari incidenti tra le donne ( hazard ratio, HR=0.79 e HR=0.74, rispettivamente ).

L'Acido alfa-Linolenico è risultato associato a un aumento moderato del rischio cardiovascolare nelle donne ( HR=1.16 ).

Sono state osservate associazioni inverse con la mortalità per tutte le cause per l'Acido Eicosapentaenoico e l’Acido Docosaesaenoico in tutti i partecipanti ( HR=0.81 e HR=0.80, rispettivamente ) e per l'Acido Linoleico negli uomini ( HR=0.73 ).

In conclusione, l’Acido Linoleico e i PUFA a catena molto lunga n-3 sierici, riflettendo in parte l'assunzione, rispettivamente, di olio vegetale e di pesce, sono risultati inversamente associati a mortalità per qualsiasi causa.
Sono state osservate associazioni inverse tra Acido Eicosapentaenoico e Acido Docosaesaenoico e la malattia cardiovascolare incidente solo nelle donne. ( Xagena2015 )

Marklund M et al, Circulation 2015; 132: 586-594

Cardio2015



Indietro