Aggiornamenti in aritmologia
52 convegno cardiologia milano
Prevenzione e  Terapia dello Scompenso Cardiaco
Associazione Silvia Procopio

Alcuni sartani potrebbero essere associati a un aumentato rischio di cancro nei pazienti con diabete mellito


Una nuova analisi di pazienti sottoposti a terapia antipertensiva ha riacceso il dibattito riguardo al rischio di tumore associato all’impiego dei bloccanti del recettore dell’angiotensina II ( anche noti come sartani ).
Nello studio di Chang CH et al ( JCO 2011 ), il trattamento con Candesartan ( Ratacand ) è risultato associato a un rischio significativo di cancro, mentre è stato riscontrato un trend verso un aumento del rischio con Telmisartan ( Micardis ).

Tuttavia, l’intera classe farmacologica dei sartani non sembrerebbe associata a rischio di tumore; il Losartan ( Lortaan ), infatti, appare diminuire il rischio di neoplasia.

La valutazione del rischio di cancro per i singoli sartani è argomento ancora non ben definito per la mancanza di sperimentazioni a lungo periodo con un numero sufficiente di pazienti.

Secondo una recente revisione dell’FDA ( Food and Drug Administration ) i sartani, nella loro globalità, non appaiono associati a rischio di cancro. Questa revisione è successiva a una meta-analisi pubblicata nel 2010 da Ilke Sipahi ( University Hospitals Case Medical Center di Cleveland negli Stati Uniti ) e colleghi, che aveva mostrato l’esistenza di un significativo incremento dell’8% del rischio di tumore nei pazienti che facevano uso di farmaci antipertensivi.

Sipahi e colleghi avevano eseguito una meta-analisi su oltre 60.000 pazienti inclusi nello studio ONTARGET, PROFESS, LIFE, TRANSCEND, e CHARM-Overall, e avevano osservato che i pazienti assegnati in modo casuale a ricevere i sartani avevano un rischio significativamente aumentato di insorgenza di cancro rispetto a quelli del gruppo controllo ( rispettivamente, 7.2% vs 6.0%, risk ratio [RR] 1.08, p=0.016 ).
In particolare, era stato rilevato che l’incidenza di cancro al polmone era maggiore del 25% tra i pazienti assegnati ai sartani rispetto ai soggetti di controllo.

Tuttavia, altre analisi, tra cui una meta-analisi che ha riguardato 70 studi clinici per quasi 325.000 persone, non hanno trovato un eccesso di rischio di cancro o di morte per cancro per i singoli sartani.

Nello studio epidemiologico caso-controllo di Chang e colleghi, i ricercatori hanno studiato 21.750 pazienti affetti da diabete mellito che avevano iniziato il trattamento antipertensivo nel secondo semestre del 2000 ed erano stati trattati con sartani per una durata media cumulata di 603 giorni.
Durante il periodo di studio, i sartani più comunemente utilizzati sono stati: Valsartan ( Tareg ), Losartan, e Irbesartan ( Aprovel ).
Sono stati riscontrati 1.281 casi di tumore, tra cui tumore al fegato ( 22% ), tumore al colon-retto ( 15% ), tumore al polmone ( 11% ), tumori urologici ( 6% ).
Nel complesso, non è stata riscontrata alcuna associazione significativa tra l'uso di sartani e cancro. Tuttavia, analizzando i singoli sartani è emerso che Il Candesartan era associato a un incremento del 79% del rischio di tumore ( odds ratio, OR=1.79 ), mentre il Telmisartan è risultato correlato a un trend verso un aumentato rischio ( OR=1.54 ).

Secondo Sipahi la scoperta riguardante Candesartan è particolarmente rilevante dato che il primo segnale di eccesso di mortalità per tumore per questo farmaco era emerso nello studio CHARM, uno studio in cui Candesartan veniva impiegato nel trattamento dello scompenso cardiaco.
Lo studio ONTARGET aveva, invece, mostrato, un aumento del rischio di cancro nei pazienti trattati con Telmisartan, così come lo studio TRANSCEND. ( Xagena2011 )

Fonte: 1) Journal of Clinical Oncology, 2011; 2) TheHeart, 2011



Cardio2011 Onco2011 Farma2011


Indietro