52 convegno cardiologia milano
Prevenzione e  Terapia dello Scompenso Cardiaco
Aggiornamenti in aritmologia
Associazione Silvia Procopio

Studio POISE: il Metoprololo associato a rischio di morte ed ictus dopo chirurgia non-cardiaca


I pazienti trattati con beta-bloccanti dopo intervento chirurgico non-cardiaco sono a più alto rischio di morte o di ictus, rispetto ai pazienti trattati con placebo.
Tuttavia questi pazienti, riceventi i beta-bloccanti hanno una più bassa probabilità di infarto miocardico non-fatale.

Gli interventi chirurgici non-cardiaci sono associati ad aumento della frequenza cardiaca, della pressione sanguigna e delle concentrazioni di acidi grassi, ed incremento della richiesta di ossigeno per il cuore.

L’impiego dei beta-bloccanti ha come obiettivo quello di impedire l’effetto delle catecolamine, riducendo in tal modo le complicanze cardiovascolari.

Lo studio POISE ( PeriOperative Ischemic Evaluation ) ha verificato gli effetti peri-operatori dei beta-bloccanti.
Lo studio ha riguardato 8351 pazienti con malattia aterosclerotica o a rischio, sottoposti a chirurgia non-cardiaca.

I pazienti sono stati assegnati in modo casuale a ricevere Metoprololo ( Lopresor, Seloken ), oppure placebo.
Il trattamento è stato iniziato 204 ore prima dell’intervento chirurgico e continuato per i 30 giorni seguenti.

L’endpoint primario era rappresentato da: morte cardiovascolare, infarto miocardico non-fatale o arresto cardiaco non-fatale.

Un numero minore di pazienti nel gruppo Metoprololo ha raggiunto l’endpoint primario, rispetto al placebo ( 244 versus 280, rispettivamente ); con una riduzione della probabilità del 16%.
Un numero minore di pazienti del gruppo Metoprololo, rispetto al gruppo placebo, ha sofferto di un infarto miocardico ( 176 versus 239 ), con una riduzione del rischio del 27%.

Tuttavia, è stata osservata una più alta incidenza di mortalità rispetto al placebo ( 129 versus 97 ), con un aumento del rischio del 33%.
Inoltre, più pazienti nel gruppo Metoprololo sono andati incontro ad ictus ( 41 versus 19 del gruppo placebo ).

I risultati dello studio hanno indicato che il Metoprololo permette a 15 pazienti che devono sottoporsi ad un intervento chirurgico non-cardiaco su 1000 di non sviluppare un infarto miocardico, a 3 di non eseguire rivascolarizzazione cardiaca e a 7 di sviluppare fibrillazione atriale..
I risultati hanno anche mostrato che il trattamento con Metoprololo era anche associato a 8 morti, 5 ictus, 53 ipotensioni e 42 bradicardie ogni 1000 pazienti trattati.

Lo studio POISE ha evidenziato il rischio della somministrazione di un beta-bloccante nei pazienti che devono sottoporsi ad intervento chirurgico non-cardiaco.

In un commento allo studio, Lee A Fleisher dell’University of Pennsylvania a Filadelfia e Don Poldermans dell’Erasmus Medical Center a Rotterdam, hanno sottolineato che lo studio POISE ha indicato un elevato rischio nella somministrazione di alti dosaggi di beta-bloccanti nel periodo perioperatorio.
Altri protocolli, che hanno fatto uso di basse dosi di beta-bloccanti, hanno mostrato un effetto benefico della terapia con beta-bloccanti sull’outcome ( esito ) post-operatorio. ( Xagena2008 )

Fonte: The Lancet, 2008 Cardio2008 Farma2008


Indietro