Prevenzione e  Terapia dello Scompenso Cardiaco
52 convegno cardiologia milano
Aggiornamenti in aritmologia
XagenaNewsletter

Prevedere i benefici della terapia con Evolocumab nei pazienti con malattia aterosclerotica usando un punteggio di rischio genetico


Non è stata stabilita la capacità di un punteggio di rischio genetico di prevedere il rischio nelle malattie cardiovascolari stabilite e di identificare gli individui che traggono maggiore beneficio dall'inibizione di PCSK9 ( proproteina della convertasi subtilisina / kexina di tipo 9 ).

Sono stati studiati 14.298 pazienti con malattia cardiovascolare aterosclerotica dallo studio FOURIER ( Further Cardiovascular Outcomes Researh With PCSK9 Inhibition in Subjects With Elevated Risk ).
Un punteggio di rischio genetico di polimorfismo a 27 singoli nucleotidi è in grado di definire un rischio genetico come basso ( quintile 1 ), intermedio ( quintili 2-4 ) e alto ( quintile 5 ).

I pazienti sono stati inoltre classificati in base ai principali fattori di rischio aterosclerotici tra cui diabete mellito, ipertensione, colesterolo LDL maggiore o uguale a 100 mg/dl e fumo; fattori di rischio multipli ( 2 o più ) sono stati considerati ad alto rischio clinico.

Gli esiti consistevano in eventi coronarici maggiori ( morte coronarica, infarto del miocardio o rivascolarizzazione coronarica ) ed eventi vascolari maggiori ( eventi coronarici maggiori e ictus ischemico ).
Il follow-up mediano è stato di 2.3 anni.

Dopo aver aggiustato per i fattori clinici, il punteggio di rischio genetico è stato associato al rischio sia per gli eventi vascolari maggiori ( P tendenza=0.005 ) sia per gli eventi coronarici maggiori ( P tendenza minore di 0.0001 ).
Gli individui con punteggi intermedi e ad alto rischio genetico avevano un rischio aumentato di 1.23 e 1.65 volte, rispettivamente, per gli eventi coronarici maggiori.

L'elevato rischio genetico si è aggiunto ai principali fattori di rischio aterosclerotici e ha identificato i pazienti con maggiori probabilità di beneficiare di Evolocumab ( Repatha ).

Non ci sono stati benefici per gli eventi vascolari maggiori nei pazienti senza molteplici fattori di rischio clinici o elevato rischio genetico ( hazard ratio HR, 1.02; riduzione del rischio assoluto ARR, -0.2%, P=0.86 ).

Per contro, si è verificata una riduzione del rischio relativo del 13% ( HR, 0.87, P=0.047 ) e un ARR dell'1.4% nei pazienti con molteplici fattori di rischio clinico ma senza elevato rischio genetico e una riduzione del rischio relativo del 31% ( HR, 0.69, P=0.0012 ) e del 4.0% in pazienti ad alto rischio genetico, indipendentemente dal rischio clinico ( P tendenza per HR=0.017, ARR P tendenza=0.004 ).

I pazienti ad alto rischio genetico che hanno ricevuto Evolocumab hanno avuto tassi di eventi simili ai pazienti con un basso carico di rischio sia genetico che clinico.

I pazienti senza molteplici fattori di rischio clinici o ad alto rischio genetico hanno avuto un basso tasso di eventi e non sono sembrati trarre beneficio da Evolocumab per 2.3 anni.
Al contrario, i pazienti con molteplici fattori di rischio clinici ma senza un elevato rischio genetico hanno mostrato un rischio intermedio e una riduzione del rischio intermedio.

I pazienti con alto rischio genetico, indipendentemente dal rischio clinico, hanno avuto un alto tasso di eventi e hanno tratto il massimo beneficio relativo e assoluto da Evolocumab, che ha mitigato questo rischio. ( Xagena2020 )

Marston NA et al, Circulation 2020; 141: 616-623

Cardio2020 Endo2020 Farma2020


Indietro