52 convegno cardiologia milano
Prevenzione e  Terapia dello Scompenso Cardiaco
Aggiornamenti in aritmologia
Associazione Silvia Procopio

Prevalenza e significato prognostico della disfunzione sistolica del ventricolo destro nella cardiomiopatia dilatativa non-ischemica


La risonanza magnetica cardiovascolare è il gold standard per la valutazione della funzione ventricolare. Sebbene i volumi del ventricolo sinistro e la frazione d'eiezione siano forti predittori di esito nella cardiomiopatia dilatativa, ci sono dati limitati per quanto riguarda il significato prognostico della disfunzione sistolica del ventricolo destro.

L’obiettivo di uno studio è stato quello di valutare se la risonanza magnetica cardiovascolare della funzione ventricolare destra abbia valore prognostico nella cardiomiopatia dilatativa.

Sono stati studiati prospetticamente 250 pazienti con cardiomiopatia dilatativa mediante risonanza magnetica cardiovascolare.

La disfunzione sistolica del ventricolo destro, definita da frazione di eiezione ventricolare destra minore o uguale al 45%, era presente in 86 pazienti ( 34% ).

Durante un periodo di follow-up medio di 6.8 anni, ci sono stati 52 decessi, e 7 pazienti sono stati sottoposti a trapianto cardiaco.

L'endpoint primario di mortalità per tutte le cause o di trapianto cardiaco è stato raggiunto da 42 degli 86 pazienti con disfunzione sistolica del ventricolo destro e da 17 dei 164 pazienti senza disfunzione sistolica del ventricolo destro ( 49% versus 10%, hazard ratio, HR=5.90, P minore di 0.001 ).

All'analisi multivariata, la disfunzione sistolica del ventricolo destro è rimasta un significativo predittore indipendente dell’endpoint primario ( HR=3.90, P minore di 0.001 ), così come degli esiti secondari di mortalità cardiovascolare o di trapianto cardiaco ( HR=3.35, P minore di 0.001 ) e morte da insufficienza cardiaca, ospedalizzazione per insufficienza cardiaca, o trapianto cardiaco ( HR=2.70, P=0.006 ).

La valutazione della disfunzione sistolica del ventricolo destro ha migliorato la stratificazione del rischio di mortalità per tutte le cause o di trapianto cardiaco ( miglioramento netto di riclassificazione, 0.31, P=0.001 ).

In conclusione, la disfunzione sistolica ventricolare destra è un potente predittore indipendente di sopravvivenza libera da trapianto di cuore e di esiti avversi da insufficienza cardiaca nella cardiomiopatia dilatativa.
La valutazione della risonanza magnetica cardiovascolare della funzione del ventricolo destro è importante nella valutazione e stratificazione del rischio dei pazienti con cardiomiopatia dilatativa. ( Xagena2013 )

Gulati A et al, Circulation 2013; 128: 1623-1633

Cardio2013



Indietro