Prevenzione e  Terapia dello Scompenso Cardiaco
52 convegno cardiologia milano
Aggiornamenti in aritmologia
Associazione Silvia Procopio

Omecamtiv mecarbil non ha raggiunto l’endpoint primario nello studio ATOMIC-AHF


Omecamtiv mecarbil non ha raggiunto l'endpoint primario di ridurre la dispnea nei pazienti con scompenso cardiaco acuto nello studio ATOMIC-AHF.
Tuttavia, la dose più alta del attivatore della miosina cardiaca è risultata associata a un maggior sollievo della dispnea rispetto al placebo; inoltre è stato osservato un trend verso la riduzione del peggioramento dello scompenso cardiaco.

Lo studio di coorte di fase 2, dose-finding ( determinazione del dosaggio più adeguato ), randomizzato, in doppio cieco, ha interessato 613 pazienti con disfunzione sistolica ventricolare sinistra che erano stati ospedalizzati per insufficienza cardiaca acuta con dispnea a riposo o minimo sforzo nonostante trattamento con diuretico per via endovenosa.

I pazienti sono stati assegnati in modo casuale a 48 ore di Omecamtiv mecarbil per via endovenosa o placebo in tre coorti a dosaggi crescenti per ottenere concentrazioni plasmatiche stimate di 115 ng/ml, 230 ng/ml e 310 ng/mL.

L'endpoint primario di efficacia era rappresentato dal miglioramento della dispnea a 6, 24 e 48 ore.

Rispetto ai gruppo placebo aggregati, Omecamtiv mecarbil non ha mostrato alcuna differenza significativa nei sintomi della dispnea ( p=0.33 ).
L'endpoint primario non è stato raggiunto.

Nella coorte i cui pazienti erano stati trattati con la più alta dose di Omecamtiv mecarbil, i ricercatori hanno osservato una tendenza verso una maggiore risposta rispetto ai gruppi placebo associati ( 51% vs 37%, p=0.03 ).

L' endpoint secondario riguardante il peggioramento dello scompenso cardiaco è stato riscontrato un trend di miglioramento ( P nel range 0.03-0.08 con dosi più elevate di Omecamtiv mecarbil ).

I tassi di mortalità a 30 giorni e di ospedalizzazione per tutte le cause sono risultati simili tra i due gruppi.

Nel corso dello studio gli eventi infartuali sono risultati rari: 3 eventi nel gruppo placebo ( 1% ) contro 7 eventi nei gruppi Omecamtiv mecarbil ( 2.3% ).
Non è stata osservata evidenza di proaritmia, ma una riduzione del 50% delle tachiaritmie sopraventricolari, e nessuna differenza riguardo alle tachiaritmie ventricolari.

Come osservato in studi precedenti, Omecamtiv mecarbil era associato a riduzioni significative della frequenza cardiaca senza diminuzione della pressione sistolica ( p inferiore a 0.001 ).

E’ stato riportato un modesto aumento della troponina I cardiaca nei pazienti trattati con Omecamtiv mecarbil, ma nessuna evidenza che questa associazione fosse collegata a concentrazioni crescenti di Omecamtiv mecarbil. ( Xagena2013 )

Fonte: European Society of Cardiology ( ESC ) Meeting, 2013

Cardio2013 Farma2013


Indietro