Prevenzione e  Terapia dello Scompenso Cardiaco
52 convegno cardiologia milano
Aggiornamenti in aritmologia
Associazione Silvia Procopio

Nuovo agonista PPAR-alfa: nessun vantaggio rispetto al Fenofibrato

I fibrati sono deboli agonisti del PPAR-alfa ( recettori attivati dai proliferatori dei perossisomi ).
Uno studio ha valutato l’efficacia e la sicurezza di un potente e selettivo agonista PPAR-alfa, LY518674 ( LY5 ), con il Fenofibrato ( Lipofene ) e con l’Atorvastatina ( Lipitor / Torvast ).

Sono stati compiuti due studi multicentrici: uno nei pazienti con elevati livelli di trigligeridi e bassi livelli di colesterolo HDL ( dislipidemia aterogenica ), l’altra nei pazienti con elevati livelli di colesterolo LDL ( ipercolesterolemia ).

Lo studio riguardante la dislipidemia ha arruolato 309 pazienti nel periodo 2005-2006, mentre lo studio sull’ipercolesterolemia, 304 pazienti.

Nello studio dislipidemia, i pazienti sono stati assegnati a placebo, Fenofibrato ( 200mg ) o a LY5 ( 10, 25, 50 o 100 microg ) per 12 settimane.
Nello studio ipercolesterolemia, i pazienti hanno ricevuto per 4 settimane placebo o Atorvastatina ( 10 o 40 mg ), e successivamente placebo o LY5 ( 10 o 50 microg ) per ulteriori 12 settimane.

Studio Dislipidemia
LY5 ( 25 microg ) ed il Fenofibrato hanno aumentato il colesterolo HDL del 15,8% e del 14,4% ( per entrambi p minore o uguale a 0.001 rispetto al placebo ).

Più alte dosi di LY5 hanno prodotto più piccoli incrementi.

La riduzione dei trigligeridi con LY5 è risultata simile a quella ottenuta con il Fenofibrato.

LY5 ha prodotto un aumento dose-dipendente del colesterolo LDL, raggiungendo 20,4 mg/dl con il dosaggio di 100 microg contro lo 0.3 mg/dl per il Fenofibrato ( p minore o uguale a 0.001 ).

Il Fenofobrato e LY5 ( 50 microg e 100 microg ) hanno aumentato la creatinina plasmatica ( p minore o uguale a 0.001 versus placebo ); il 38% ed il 37,3% dei pazienti, rispettivamente, ha presentato valori più alti rispetto al normale range.

Il Fenofibrato, ma non LY5, ha aumentato la creatina fosfochinasi ( p = 0.004 versus placebo ).

Studio Ipercolesterolemia
LY5 ( 10 microg o 50 microg ) ha ridotto il colesterolo LDL ( 13,2 - 15,8% ) ed i trigliceridi di circa il 37% per entrambe le dosi; ed ha aumentato il colesterolo HDL ( 12,5 - 15% ).

Quando aggiunto all’Atorvastatina, LY5 ha modificato i livelli di colesterolo HDL ( -0,6% -11,9% ) ed ha ridotto in modo significativo i trigliceridi, ma non ha avuto alcun effetto aggiuntivo aul colesterolo LDL.

I dati dei due studi hanno fornito le seguenti indicazioni:

- nei pazienti con dislipidemia, LY5 e Fenofibrato hanno ridotto i trigliceridi ed hanno aumentato il colesterolo HDL, ma hanno anche aumentato la creatinina plasmatica.
LY5, ma non il Fenofibrato, ha aumentato il colesterolo LDL.

- nei pazienti con ipercolesterolemia, LY5 ha ridotto i trigligeridi ed ha aumentato il colesterolo HDL, ma non ha ulteriormente ridotto il colesterolo LDL in combinazione con l’Atorvastatina.

Sia il Fenofibrato che LY518674 sono risultati associati a problemi di sicurezza. ( Xagena2007 )

Nissen SE et al, JAMA 2007; 297:1362-1373

Cardio2007 Endo2007 Farma2007





Indietro