Prevenzione e  Terapia dello Scompenso Cardiaco
Aggiornamenti in aritmologia
52 convegno cardiologia milano
Associazione Silvia Procopio

Evoluzione della frazione di eiezione ventricolare sinistra dopo infarto miocardico acuto


La terapia con defibrillatore cardioverter impiantabile ( ICD ) migliora la sopravvivenza nei pazienti con ridotta frazione di eiezione ventricolare sinistra ( FEVS ) dopo infarto miocardico acuto ( IMA ).
Sebbene il rischio di morte cardiaca improvvisa sia più alto nel primo mese dopo infarto miocardico acuto, non vi è alcun beneficio di sopravvivenza dall'impianto precoce del defibrillatore cardioverter impiantabile, e il lasso di tempo ottimale deve ancora essere stabilito.
Pertanto, si è determinato quale percentuale di pazienti post-infarto miocardico acuto ha migliorato la funzione ventricolare sinistra a tal punto che l'indicazione per il defibrillatore cardioverter impiantabile non era più presente.

I pazienti ricoverati per infarto miocardico acuto con frazione di eiezione ventricolare sinistra ridotta ( 40% o meno ) erano eleggibili per l'inclusione nello studio. Gli esami ecocardiografici ripetuti sono stati eseguiti ai giorni 5, a 1 mese e a 3 mesi dopo infarto miocardico acuto.
Sono stati inclusi in modo prospettico 100 pazienti con frazione di eiezione ventricolare sinistra del 31% dopo infarto miocardico acuto.

A 1 mese di follow-up, il 55% ha presentato una frazione di eiezione ventricolare sinistra maggiore del 35%.
Il principale miglioramento della frazione di eiezione ventricolare sinistra si è verificato entro il 1° mese.

La differenza media nella frazione di eiezione ventricolare sinistra nel corso dei 2 mesi successivi è stata piccola, 1.9 unità percentuali.

Nel corso delle prime 9 settimane, il 10% dei pazienti ha sofferto di aritmie pericolose per la vita.

In conclusione, la maggior parte dei pazienti ha presentato una frazione di eiezione ventricolare sinistra migliore dopo infarto miocardico acuto, e nella maggior parte dei casi il miglioramento è stato confermato dopo 1 mese, il che implica che un ulteriore ritardo nell’impianto del defibrillatore cardioverter impiantabile non può essere giustificato.
Aritmie pericolose per la vita si sono verificate nel 10% dei pazienti, evidenziando l'alto rischio di morte cardiaca improvvisa in questa popolazione. ( Xagena 2014 )

Sjöblom J et al, Circulation 2014;130:743-748

Cardio2014



Indietro