Aggiornamenti in aritmologia
Prevenzione e  Terapia dello Scompenso Cardiaco
52 convegno cardiologia milano
XagenaNewsletter

Effetto di Ramipril sui tempi di percorrenza e sulla qualità di vita tra i pazienti con malattia arteriosa periferica e claudicatio intermittens


Circa un terzo dei pazienti con malattia arteriosa periferica vanno incontro a claudicazione intermittente, con conseguente perdita di qualità della vita.

È stata determinata l'efficacia di Ramipril ( Triatec ) per migliorare la capacità di deambulazione, le prestazioni deambulatorie percepite dal paziente e la qualità di vita nei pazienti con claudicatio in uno studio in doppio cieco, controllato con placebo, condotto su 212 pazienti con malattia arteriosa periferica ( età media, 65.5 anni ), nel periodo 2008-2011 presso 3 ospedali in Australia.

I pazienti sono stati randomizzati a ricevere 10 mg/die di Ramipril ( n=106 ) oppure placebo ( n=106 ) per 24 settimane.

Le principali misure di esito, tempo di percorrenza massimo e tempo di percorrenza indolore a piedi, sono state registrate nel corso di un test standard con tapis roulant.
Il Walking Impairment Questionnaire ( WIQ ) e Short-Form 36 Health Survey ( SF-36 ) sono stati utilizzati per valutare la capacità di camminare e la qualità di vita, rispettivamente.

A 6 mesi, rispetto al placebo, il Ramipril è stato associato a un aumento di 75 secondi del tempo medio di camminata senza dolore ( P minore di 0.001 ) e a un aumento di 255 secondi del tempo massimo trascorso camminando a piedi ( P minore di 0.001 ).

Rispetto al placebo, il Ramipril ha migliorato il punteggio di distanza media WIQ di 13.8, il punteggio di velocità di 13.3 e il punteggio di salita per le scale di 25.2 ( P minore di 0.001 per tutti ).

Il punteggio medio Physical Component Summary SF-36 complessivo è migliorato di 8.2 ( P=0.02 ) nel gruppo Ramipril rispetto al gruppo placebo.

Ramipril non ha influenzato il punteggio medio Mental Component Summary SF-36 complessivo.

In conclusione, tra i pazienti con claudicatio intermittens, 24 settimane di trattamento con Ramipril hanno determinato un forte incremento nel tempo di percorrenza a piedi senza dolore e massimo su tapis roulant rispetto al placebo.
Questo dato è stato associato a un significativo aumento del punteggio della componente fisica funzionale mediante SF-36.

Circa 27 milioni di persone in Europa e Nord America hanno arteriopatia periferica ( PAD ). La claudicatio intermittens si verifica in circa un terzo dei pazienti con arteriopatia periferica e tipicamente si presenta come dolore all'interno di gruppi muscolari delle gambe durante la deambulazione, alleviato dal riposo.

I pazienti con claudicatio intermittens hanno una significativa compromissione della funzione ambulatoriale, con conseguente disabilità funzionale e significativa limitazione nello stile di vita.

Il trattamento di questi pazienti è volto a ridurre il rischio cardiovascolare, aumentando le prestazioni funzionali, e a migliorare la qualità della vita relativa alla salute. Tuttavia, i trattamenti farmacologici in corso per migliorare la distanza percorsa a piedi hanno un'efficacia limitata e aumentano la distanza percorsa solo tra il 12% e il 60% ( gli unici due trattamenti farmacologici approvati dalla FDA [ Food and Drug Administration ] per l'uso negli Stati Uniti, Pentossifillina e Cilostazolo, aumentano la distanza percorsa del 15% e 25%, rispettivamente ).

In uno studio pilota è stato precedentemente riportato che l'inibitore dell’enzima di conversione dell'angiotensina ( Ace inibitore ) Ramipril è risultato associato in modo significativo a un aumento del tempo massimo di camminata e del tempo di camminata senza dolore su tapis roulant. Tuttavia, questo studio era piccolo, ed i risultati sono stati limitati a pazienti con malattia infrainguinale limitante senza diabete, che comprendono circa la metà di tutti i pazienti con claudicatio.

Altri studi precedenti con ACE inibitori nei pazienti con claudicatio hanno fornito risultati contrastanti, a causa della piccola dimensione del campione, breve durata dell'intervento e mancanza di un gruppo placebo.

Lo studio attuale è stato condotto per esaminare l'associazione tra la terapia con Ramipril per 24 settimane e la distanza a piedi e la qualità di vita relativa alla salute, rispetto al placebo, in una più grande popolazione generale con arteriopatia periferica, che ha incluso pazienti con diabete mellito e pazienti con malattia aortoiliaca e infrainguinale. ( Xagena2013 )

Ahimastos AA et al, JAMA 2013; 309: 5: 453-460

Cardio2013 Farma2013


Indietro