Aggiornamenti in aritmologia
52 convegno cardiologia milano
Prevenzione e  Terapia dello Scompenso Cardiaco
Associazione Silvia Procopio

Effetto della pressione positiva continua nelle vie aeree sulla incidenza di ipertensione ed eventi cardiovascolari nei pazienti non-sonnolenti con apnea ostruttiva del sonno


La pressione positiva continua delle vie aeree è il trattamento di prima linea nei pazienti con apnea ostruttiva del sonno sintomatica.
Tuttavia, la sua indicazione per tutti i pazienti con disturbi respiratori nel sonno, indipendentemente dai sintomi durante il giorno, non è ben definita.

È stato condotto uno studio per valutare l’effetto di un trattamento con pressione positiva continua delle vie aeree sull’incidenza di ipertensione o eventi cardiovascolari in una coorte di pazienti con apnea ostruttiva del sonno sintomatica non-sonnolenti.

Lo studio multicentrico, a gruppi paralleli, randomizzato e controllato è stato condotto in 14 ospedali universitari in Spagna.

Nel periodo 2004-2006, sono stati arruolati 725 pazienti consecutivi con indice apnea-ipopnea di 20/ora o superiore, e un punteggio alla scala Epworth Sleepiness Scale uguale o inferiore a 10 ( intervallo di punteggio 0-24, con valori inferiori a 10 a indicare assenza di sonnolenza giornaliera ).

Un precedente evento cardiovascolare, incapacità psicologica o fisica, presenza di malattia cronica o dipendenza da alcol o droga rientravano tra i criteri di esclusione.

Il follow-up è terminato a maggio 2009.

I pazienti sono stati assegnati a ricevere trattamento di pressione positiva continua nelle vie aeree o nessun intervento attivo.

Tutti i partecipanti hanno ricevuto counseling alimentare e consigli di igiene del sonno.

Le principali misure di esito erano incidenza di ipertensione sistemica ( assunzione di farmaci antipertensivi o pressione sanguigna superiore a 140/90 mmHg ) o evento cardiovascolare ( infarto del miocardio non-fatale, ictus non-fatale, attacco ischemico transitorio [ TIA ], ospedalizzazione per angina instabile o aritmia, scompenso cardiaco o decesso per causa cardiovascolare).

In totale, 723 pazienti sono stati sottoposti a follow-up per un periodo mediano di 4 anni ( 1 paziente di ciascun gruppo non ha ricevuto il trattamento di assegnazione ); 357 nel gruppo pressione positiva continua nelle vie aeree e 366 nel gruppo controllo sono stati inclusi nell’analisi.

Nel gruppo pressione positiva continua nelle vie aeree sono stati identificati 68 pazienti con nuova ipertensione e 28 eventi cardiovascolari ( 17 angina instabile o aritmia, 3 ictus non-fatali, 3 scompensi cardiaci, 2 infarti del miocardio non-fatali, 2 TIA, 1 decesso cardiovascolare ).

Nel gruppo controllo, 79 pazienti con nuova ipertensione e 31 eventi cardiovascolari ( 11 angina instabile o aritmia, 8 infarti miocardici non-fatali, 5 attacchi ischemici transitori, 5 scompensi cardiaci, 2 ictus non-fatali ).

Il tasso di densità dell’incidenza di ipertensione o eventi cardiovascolari è stato pari a 9.20 per 100 anni-persona nel gruppo pressione positiva continua nelle vie aeree e di 11.02 per 100 anni-persona nel gruppo controllo.

Il rapporto di densità di incidenza è stato 0.83 ( P=0.20 ).

In conclusione, nei pazienti con apnea ostruttiva del sonno sintomatica senza sonnolenza diurna, la prescrizione di pressione positiva continua nelle vie aeree rispetto alla cura tradizionale non porta a una riduzione statisticamente significativa nella incidenza di ipertensione o eventi cardiovascolari.
Tuttavia, lo studio potrebbe avere un potere troppo basso per identificare una differenza significativa. ( Xagena2012 )

Barbé F et al, JAMA 2012; 307: 2161-2168

Cardio2012 Pneumo2012 Neuro2012



Indietro