Aggiornamenti in aritmologia
52 convegno cardiologia milano
Prevenzione e  Terapia dello Scompenso Cardiaco
Associazione Silvia Procopio

Disfunzione ventricolare sinistra subclinica e malattia cerebrovascolare silente


Gli infarti cerebrali silenti e l’iperintensità della sostanza bianca sono lesioni cerebrovascolari subcliniche associate a ictus incidente e declino cognitivo.
La frazione di eiezione ventricolare sinistra ( FEVS ) è un predittore di ictus nei pazienti con insufficienza cardiaca, ma la sua associazione con la malattia subclinica del cervello nella popolazione generale è sconosciuta.

La deformazione longitudinale globale ventricolare sinistra è in grado di rilevare la disfunzione cardiaca subclinica anche quando la frazione di eiezione ventricolare sinistra è normale.

È stato studiato il rapporto tra frazione di eiezione ventricolare sinistra e la deformazione longitudinale globale con la malattia subclinica del cervello in una coorte basata sulla comunità.

La frazione di eiezione ventricolare sinistra e la deformazione longitudinale globale sono state valutate mediante ecocardiografia bidimensionale speckle-tracking in 439 pazienti liberi da ictus e da malattie cardiache nello studio Cardiovascular Abnormalities and Brain Lesions ( CABL ).

Gli infarti cerebrali silenti e l’iperintensità della sostanza bianca sono stati valutati mediante risonanza magnetica cerebrale.

L'età media della popolazione oggetto di studio era di 69 anni; il 61% era rappresentato da donne, la frazione di eiezione ventricolare sinistra era pari al 63.8%, la deformazione longitudinale globale era -17.1%.

Infarti cerebrali silenti sono stati rilevati in 53 partecipanti ( 12% ), il volume di iperintensità della sostanza bianca era lo 0.63%.

La deformazione longitudinale globale è risultata significativamente più bassa nei partecipanti con infarti cerebrali silenti rispetto a quelli senza ( -15.7% vs -17.3%, P minore di 0.01 ), mentre non è stata osservata alcuna differenza nella frazione di eiezione ventricolare sinistra ( 63.3% vs 63.8%, P=0.60 ).

Una deformazione longitudinale globale inferiore è stata associata con infarti cerebrali silenti ( odds ratio/riduzione unitaria=1.18, P minore di 0.01 ), mentre la frazione di eiezione ventricolare sinistra non lo è stata ( odds ratio/incremento unitario=1.00, P=0.98 ).

Deformazioni longitudinali globali minori sono state associate a un maggiore volume di iperintensità della sostanza bianca ( beta aggiustato=0.11, P minore di 0.05 ), a differenza della frazione di eiezione ventricolare sinistra ( beta aggiustato=-0.04, P=0.42 ).

In conclusione, una deformazione longitudinale globale inferiore era indipendentemente associata alla malattia subclinica del cervello in una coorte basata su una comunità senza malattia cardiaca conclamata.
La deformazione longitudinale globale può fornire informazioni aggiuntive sul rischio cerebrovascolare oltre alla valutazione della frazione di eiezione ventricolare sinistra. ( Xagena2013 )

Russo C et al, Circulation 2013; 128: 1105-1111

Cardio2013 Neuro2013



Indietro