52 convegno cardiologia milano
Prevenzione e  Terapia dello Scompenso Cardiaco
Aggiornamenti in aritmologia
Associazione Silvia Procopio

Disfunzione sistolica ventricolare destra nei giovani adulti nati pretermine


I giovani adulti nati pretermine hanno distinte differenze di massa, funzione e geometria del ventricolo sinistro.
Gli studi sugli animali hanno indicato che i cambiamenti dei cardiomiociti sono evidenti in entrambi i ventricoli dopo la nascita pretermine; è stato studiato se questi giovani adulti presentassero anche differenze nella struttura e funzione del ventricolo destro.

Sono stati studiati 102 giovani adulti nati prematuri seguiti prospetticamente dalla nascita, e 132 soggetti di controllo nati a termine da gravidanze senza complicazioni. È stata quantificata la struttura e la funzione del ventricolo destro mediante risonanza magnetica cardiovascolare.

La nascita pretermine è risultata associata a un piccolo ventricolo destro ( volume diastolico finale 79.8 vs 88.5 ml/m2, P minore di 0.001 ) ma a una maggiore massa ventricolare destra ( 24.5 vs 20.4 g/m2, P minore di 0.001 ), rispetto ai controlli nati a termine, con gravità delle differenze proporzionale all'età gestazionale ( r= -0.47, P minore di 0.001 ).

Le differenze di massa e funzione del ventricolo destro sono state proporzionalmente maggiori di quanto precedentemente riportato per il ventricolo sinistro.
Ciò è stato più evidente per la funzione sistolica; i giovani adulti nati pretermine avevano una frazione di eiezione ventricolare destra significativamente inferiore ( 57% contro 60%, P=0.006 ).
Infatti, il 21% aveva valori al di sotto del limite inferiore osservato negli adulti nati a termine e il 6% aveva una lieve disfunzione sistolica ( minore del 45% ).
La ventilazione postnatale ha spiegato in parte la variazione di massa, ma non di funzione.

In conclusione, la nascita pretermine è associata a differenze strutturali e funzionali globali del miocardio nella vita adulta, tra cui una più piccola dimensione del ventricolo destro e una maggiore massa.
I cambiamenti sono risultati maggiori nel ventricolo destro, rispetto a quanto precedentemente osservato nel ventricolo sinistro, con compromissione della funzione sistolica ventricolare destra potenzialmente clinicamente significativa. ( Xagena2013 )

Lewandowski AJ et al, Circulation 2013; 128: 713-720

Cardio2013 Gyne2013 Pedia2013



Indietro