Aggiornamenti in aritmologia
52 convegno cardiologia milano
Prevenzione e  Terapia dello Scompenso Cardiaco
Associazione Silvia Procopio

Dilatazione della radice aortica in adulti con tetralogia di Fallot riparata chirurgicamente


Sebbene la patologia della radice aortica sia stata descritta nei pazienti con tetralogia di Fallot, la portata del problema rimane poco definita.
Si è cercato di determinare la prevalenza e i predittori di una dilatazione aortica negli adulti con tetralogia di Fallot riparata.

È stato condotto uno studio trasversale multicentrico con una nuova valutazione standardizzata dei parametri ecocardiografici in 474 adulti ( dai 18 anni in su ) con tetralogia di Fallot riparata chirurgicamente o atresia polmonare con difetto del setto ventricolare.

La radice aortica è stata misurata in proiezione parasternale asse lungo, in diastole, a livello del seno di Valsalva.

Sono stati valutati prevalenza e predittori di un diametro assoluto maggiore o uguale a 40 mm e di un rapporto osservato / atteso maggiore di 1.5.
La dimensione della radice aortica è risultata maggiore o uguale a 40 mm nel 28.9% dei casi.

All'analisi multivariata, il solo fattore associato in modo indipendente era il sesso maschile ( odds ratio, OR=4.48; P=0.006 ).

La prevalenza di un rapporto di dimensione della radice aortica osservato / atteso maggiore di 1.5 è stata del 6.6%.
Questa prevalenza era associata ad atresia polmonare e moderato o grave rigurgito aortico in analisi univariate, ma nessun fattore predittivo indipendente è stato identificato.

Il lato dell'arco aortico non è stato associato con la dimensione della radice aortica.

La prevalenza di insufficienza aortica moderata o grave è stata del 3.5%.

In conclusione, anche se quasi un terzo degli adulti con tetralogia di Fallot riparata ha un diametro della radice aortica maggiore o uguale a 40 mm, la prevalenza di una radice aortica dilatata, quando definita da un rapporto indicizzato di valori osservati / attesi, è bassa.
Allo stesso modo, un rigurgito aortico moderato o grave è raro. ( Xagena2013 )

Mongeon FP et al, Circulation 2013; 127: 172-179

Cardio2013 Chiru2013



Indietro