Prevenzione e  Terapia dello Scompenso Cardiaco
Aggiornamenti in aritmologia
52 convegno cardiologia milano
Associazione Silvia Procopio

Derivati della tienopiridina versus Acido Acetilsalicilico per la prevenzione dell’ictus e di altri eventi vascolari gravi in pazienti ad alto rischio vascolare


L’Acido Acetilsalicilico ( Aspirina ) è l’antipiastrinico più studiato e prescritto per la prevenzione di eventi vascolari gravi e riduce tale rischio in pazienti ad alto rischio vascolare di circa un quarto.

I derivati della tienopiridina inibiscono l’attivazione piastrinica con un meccanismo differente e quindi potrebbero essere più efficaci.

I Ricercatori dell’University of Edinburgh, nel Regno Unito, hanno condotto una revisione distudi clinici randomizzati con l’obiettivo di determinare l’efficacia e la sicurezza dei derivati della tienopiridina [ Ticlopidina ( Tiklid ) e Clopidogrel ( Plavix ) ] verso Acido Acetilsalicilico per la prevenzione di eventi vascolari gravi ( ictus, infarto del miocardio o morte vascolare ) in pazienti ad alto rischio, e in particolare in pazienti con un precedente attacco ischemico transitorio o ictus ischemico.

Sono stati inclusi nell’analisi 10 studi, in genere di buona qualità, per un totale di 26.865 pazienti ad alto rischio vascolare.

L’Acido Acetilsalicilico è stato confrontato con la Ticlopidina in 9 studi ( 7.633 pazienti ) e con Clopidogrel in 1 studio ( 19.185 pazienti ).

Rispetto all’Aspirina, una tienopiridina ha prodotto una modesta e appena significativa riduzione nel rischio di eventi vascolari gravi ( 11.6% versus 12.5%; odds ratio, OR=0.92 ), che equivale a evitare 10 eventi vascolari gravi ogni 1000 pazienti trattati per circa 2 anni.

In confronto all’Acido Acetilsalicilico, le tienopiridine hanno ridotto in modo significativo gli effetti avversi gastrointestinali, ma hanno tuttavia aumentato il rischio di rash cutaneo e diarrea ( Ticlopidina in misura maggiore rispetto a Clopidogrel ).

Il trattamento con Ticlopidina, ma non quello con Clopidogrel, ha aumentato in modo significativo il rischio di neutropenia.

Nei pazienti con attacco ischemico transitorio o con ictus ischemico sono stati osservati risultati simili a quelli ottenuti per tutti i pazienti combinati.

In conclusione, i derivati della tienopiridina sono efficaci quanto l’Aspirina nella prevenzione di eventi vascolari gravi in pazienti ad alto rischio e probabilmente sono in qualche misura superiori all’Aspirina.
Tuttavia, la dimensione del beneficio aggiuntivo è incerta e potrebbe essere trascurabile.
Clopidogrel ha un profilo di eventi avversi più favorevole della Ticlopidina e dunque rappresenta la tienopiridina di elezione, e dovrebbe essere utilizzato come alternativa all’Aspirina in pazienti intolleranti o allergici all’Acido Acetilsalicilico. ( Xagena2009 )

Sudlow CL et al, Cochrane Database Syst Rev 2009; (4): CD001246


Farma2009 Cardio2009 Neuro2009


Indietro