Prevenzione e  Terapia dello Scompenso Cardiaco
Aggiornamenti in Aritmologia
Xagena Mappa
Xagena Newsletter

Caratteristiche cliniche, gestione e prognosi della dissezione spontanea dell'arteria coronaria


La dissezione spontanea dell'arteria coronaria è un evento coronarico acuto di origine incerta. Le caratteristiche cliniche e la prognosi rimangono caratterizzate in modo insufficiente.

Uno studio di coorte retrospettivo di un singolo Centro ha identificato 87 pazienti con dissezione spontanea dell'arteria coronaria confermata angiograficamente.

Sono stati valutati incidenza, caratteristiche cliniche, modalità di trattamento, esiti in ospedale, e rischio a lungo termine di recidiva di dissezione spontanea dell'arteria coronaria o di eventi avversi cardiaci maggiori.
L'età media è stata di 42.6 anni, l'82% era di sesso femminile.

Lo sforzo estremo all'esordio della dissezione spontanea dell'arteria coronaria è stato più frequente negli uomini ( 7 su 16 vs 2 su 71, P minore di 0.001 ), e la condizione nel periodo post-partum è stata osservata in 13 su 71 donne ( 18% ).

Alla presentazione, infarto miocardico con sopraslivellamento ST era presente nel 49% dei soggetti.

La dissezione spontanea dell'arteria coronaria multivasale è stata trovata nel 23% dei casi.

Il trattamento conservativo iniziale ( 31 su 87 ) e by-pass aorto-coronarico ( 7 su 87 ) sono stati associati con un decorso ospedaliero non-complicato, considerando che l'intervento coronarico percutaneo era complicato da fattori tecnici in 15 su 43 pazienti ( 35% ) e da un decesso.

Nel corso di un follow-up mediano di 47 mesi, si è verificata recidiva di dissezione spontanea della arteria coronaria in 15 pazienti, tutti di sesso femminile.

Il tasso stimato a 10 anni di eventi avversi cardiaci maggiori ( mortalità, insufficienza cardiaca, infarto del miocardio e reiterazione di dissezione spontanea dell'arteria coronaria ) è stato pari al 47%.

La displasia fibromuscolare della arteria iliaca è stata identificata incidentalmente in 8 su 16 angiografie femorali ( 50% ) effettuate prima del posizionamento del dispositivo di chiusura e nelle arterie carotidee di altri 2 con dissezione carotidea.

In conclusione, la dissezione spontanea della arteria coronaria colpisce una popolazione giovane e prevalentemente femminile; spesso si presenta come infarto miocardico con sopraslivellamento ST ( STEMI ).
Anche se la mortalità in ospedale è bassa, indipendentemente dal trattamento iniziale, l'intervento coronarico percutaneo ( PCI ) è associato con alti tassi di complicazioni.
I rischi di recidiva di dissezione spontanea dell'arteria coronarica e di eventi avversi cardiaci maggiori nel lungo periodo sottolineano l'esigenza di un attento follow-up. La displasia fibromuscolare rappresenta un'associazione nuova e un potenziale fattore causale. ( Xagena2012 )

Tweet MS et al, Circulation 2012; 126: 579-588

Cardio2012



Indietro