Cardiobase
Aggiornamenti in Aritmologia
Prevenzione e  Terapia dello Scompenso Cardiaco
Xagena Mappa

Caratteristiche cliniche ed esiti in donne con cardiopatia ischemica instabile


Le basi patobiologiche della cardiopatia ischemica e quindi le manifestazioni e la risposta alla terapia possono mostrare differenze tra uomini e donne.
In precedenti studi, sono state osservate differenze di trattamento basate sul sesso con il farmaco antischemico Ranolazina ( Ranexa ), con una probabile diminuzione dell'effetto nelle donne.

È stata condotta un'analisi prospettica degli esiti a 1 anno nelle donne con cardiopatia ischemica instabile randomizzate a Ranolazina o placebo nello studio MERLIN-TIMI 36 ( Metabolic Efficiency With Ranolazine for Less Ischemia in Non-ST-Elevation Acute Coronary Syndromes-Thrombolysis in Myocardial Infarction 36 ).

Rispetto agli uomini ( n=4269 ), le donne ( n=2291 ) sono risultate più anziane e con più fattori di rischio ( P minore di 0.001 ).

Alla presentazione, le donne hanno mostrato una probabilità inferiore rispetto agli uomini di andare incontro a malattia coronarica epicardica ( assenza di stenosi maggiore o uguale a 50% all’angiografia, 19.4% versus 8.6%; P minore di 0.001 ) o livelli elevati di troponina ( 57.1% versus 68.9%; P minore di 0.001 ).

Le donne hanno mostrato una maggior probabilità di avere livelli elevati di peptide natriuretico di tipo B ( 47% versus 40.2%; P minore di 0.001 ), punteggio mediano di frequenza di angina peggiore ( 80 versus 100; P minore di 0.001 ) e un episodio ischemico all'elettrocardiogramma ( ECG ) continuo effettuato nei primi 7 giorni ( 22.5% versus 19.3%; P=0.0025 ).

Donne e uomini hanno mostrato un rischio aggiustato simile di raggiungere l'endpoint primario di morte cardiovascolare, infarto miocardico o ischemia ricorrente ( hazard ratio aggiustato, HR=1.11; P=0.15 ).
Ranolazina è risultata associata a una riduzione significativa di ischemia ricorrente nelle donne ( 13.0% versus 18.2%; HR=0.71; P=0.002 ).

In conclusione, donne con sindrome clinica consistente con malattia cardiaca ischemica instabile, benché abbiano meno coronaropatia ostruttiva, hanno un rischio maggiore rispetto agli uomini di andare incontro ad episodi di angina e mostrano più periodi ischemici nell'ECG continuo e in questo contesto, Ranolazina potrebbe essere un farmaco anti-ischemico particolarmente utile nelle donne. ( Xagena2010 )

Mega JL et al, Circulation 2010; 121: 1809-1817



Cardio2010 Farma2010





Indietro