CardioPreventariab.it
Prevenzione malattie cardiovascolari
Associazione Silvia Procopio
Gastroenterologia.net

Sopravvivenza e cambiamenti della funzione ventricolare sinistra nella miocardite acuta fulminante versus non-fulminante


Rapporti precedenti hanno indicato che, nonostante la loro presentazione drammatica, i pazienti con miocardite fulminante potrebbero avere esiti migliori rispetto a quelli con miocardite acuta non-fulminante.
In uno studio retrospettivo sono stati riportati gli esiti e i cambiamenti nella frazione di eiezione ventricolare sinistra ( FEVS ) in un'ampia coorte di pazienti con miocardite fulminante rispetto ai pazienti con miocardite non-fulminante.

La popolazione dello studio era composta da 187 pazienti ricoverati tra il 2001 e il 2016 con una diagnosi di miocardite acuta ( esordio dei sintomi inferiore a 1 mese ), di cui 55 hanno richiesto supporto circolatorio inotropo e/o meccanico ( miocardite fulminante ) e i restanti 132 erano emodinamicamente stabili ( miocardite non-fulminante ).

È stata anche eseguita una sottoanalisi in 130 pazienti adulti con miocardite virale acuta e prodromo virale entro 2 settimane dall'inizio, che ha incluso 34 soggetti con miocardite fulminante e 96 con miocardite non-fulminante.

I pazienti con miocardite a cellule giganti, miocardite eosinofila o sarcoidosi cardiaca e quelli con meno di 15 anni di età sono stati esclusi dalla sottoanalisi.

Nell'intera popolazione ( n=187 ), il tasso di morte in ospedale o trapianto di cuore è stato del 25.5% rispetto allo 0% nella miocardite fulminante rispetto a miocardite non-fulminante, rispettivamente ( P minore di 0.0001 ).

La sopravvivenza a lungo termine senza trapianto di cuore a 9 anni è stata inferiore nella miocardite fulminante rispetto alla miocardite fulminante ( 64.5% versus 100%, log rank P minore di 0.0001 ).

Nonostante un miglioramento maggiore della FEVS durante il ricovero in ospedale nella miocardite fulminante rispetto alle forme di miocardite non-fulminante ( mediana, 32% vs 3%, rispettivamente, P minore di 0.0001 ), la percentuale di pazienti con FEVS inferiore al 55% all'ultimo follow-up è stata più alta nella miocardite fulminante rispetto alla miocardite non-fulminante ( 29% vs 9%, rischio relativo, RR=3.32, P=0.003 ).

Risultati simili per la sopravvivenza e cambiamenti della FEVS nella miocardite fulminante rispetto alla miocardite non-fulminante sono stati osservati nel sottogruppo ( n=130 ) con miocardite virale.

Nessuno dei pazienti con miocardite non-fulminante e FEVS uguale o superiore al 55% alla dimissione ha avuto una significativa riduzione di FEVS al follow-up.

In conclusione, i pazienti con miocardite fulminante hanno una maggiore mortalità e necessità di trapianto cardiaco rispetto a quelli con miocardite non-fulminante.
Da un punto di vista funzionale, i pazienti con miocardite fulminante hanno FEVS gravemente compromessa al momento del ricovero che, nonostante un forte miglioramento durante il ricovero, rimane inferiore a quella dei pazienti con miocardite non-fulminante a un follow-up a lungo termine.
Questi risultati valgono anche quando vengono considerate solo le forme virali e sono diversi da studi precedenti che hanno mostrato una prognosi migliore nella miocardite fulminante. ( Xagena2017 )

Ammirati A et al, Circulation 2017; 136: 529-545

Cardio2017



Indietro