American Heart Association
ACC Meeting
Associazione Silvia Procopio

Scoperta e validazione di autoanticorpi agonisti del recettore dell'angiotensina come biomarcatori di eventi avversi


Gli autoanticorpi agonisti del recettore di tipo 1 dell’angiotensina II ( AT1RaAb ) non sono stati associati a misure funzionali o al rischio di esiti negativi per la salute. 
Gli AT1RaAb potrebbero essere utilizzati per stratificare il rischio del paziente e identificare i pazienti che possono trarre beneficio dal trattamento bloccante il recettore dell'angiotensina.

Covariate demografiche e fisiologiche sono state misurate in una serie di adulti residenti in comunità a Baltimora ( n=255 ) e sono state valutate le associazioni tra AT1RaAb e i test di funzionalità fisica. 
Un gruppo di Chicago ( n=60 ) è stato utilizzato per la validazione delle associazioni ed esplorare l'impatto del trattamento bloccante il recettore dell'angiotensina.

Il gruppo di Baltimora ha avuto al suo interno 28 soggetti con cadute, 32 soggetti fragili, e 5 morti. Elevati livelli di AT1RaAb sono risultati correlati in maniera significativa con interleuchina-6 ( Spearman r=0.33, P minore di 0.0001 ), pressione sistolica ( Spearman r=0.28, P minore di 0.0001 ), indice di massa corporea ( Spearman r=0.28, P minore di 0.0001 ), più debole forza di presa ( Spearman r=-0.34, P minore di 0.01 ), e più lenta velocità a piedi ( Spearman r=-0.30, P minore di 0.05 ).

Gli individui con alti livelli di AT1RaAb hanno presentato 3.9 volte più probabilità di essere ad alto rischio dopo aggiustamento per età ( P minore di 0.05 ). 

Ogni aumento di 1 mcg/ml di AT1RaAb ha aumentato le probabilità di caduta del 30% dopo aggiustamento per età, sesso, indice di massa corporea e pressione arteriosa. 

Il gruppo di Chicago ha avuto al suo interno 46 soggetti con cadute e 60 morti.

I livelli sierici di AT1RaAb sono risultati significativamente correlati alla forza di presa ( Spearman r=-0.57, P minore di 0.005 ), velocità a piedi ( Spearman r=-0.47, P minore di 0.005 ) e cadute ( Spearman r=0.30, P minore di 0.05 ). 

Ogni aumento di 1 mcg/ml in AT1RaAb ha diminuito il tempo alla morte del 9% dopo aggiustamento per età, sesso, indice di massa corporea e pressione sanguigna.

Il trattamento cronico con antagonisti del recettore dell'angiotensina è risultato associato a un migliore controllo della pressione sistolica e attenuazione del calo della forza di presa e del tempo alla morte.

Nei soggetti più anziani, più elevati livelli di AT1RaAb sono stati associati a infiammazione, ipertensione ed esiti avversi.
Il trattamento con blocco del recettore dell’angiotensina può attenuare i danni associati ad alti livelli di AT1RaAb. ( Xagena2017 )

Abadir PM et al, Circulation 2017; 135: 449-459

Cardio2017 Farma2017


Indietro