CardioPreventariab.it
Associazione Silvia Procopio
ACC Meeting
American Heart Association

Mortalità dopo eventi cardiovascolari ed emorragici verificatisi oltre un anno dopo il posizionamento dello stent coronarico


Gli eventi precoci cardiovascolari e di sanguinamento dopo il posizionamento dello stent coronarico sono associati a elevato rischio di morbilità e mortalità.
È stata valutata la prognosi di eventi cardiovascolari e di sanguinamento che si sono verificati oltre un anno dopo lo stenting coronarico.

È stata effettuata una analisi secondaria dai dati di DAPT ( Dual Antiplatelet Therapy ), uno studio multicentrico che ha coinvolto 220 Centri clinici di 11 Paesi tra il 2009 e il 2014.

Gli individui sottoposti a impianto di stent coronarico, e che hanno completato 12 mesi di terapia con una tienopiridina più Aspirina [ Acido Acetilsalicilico ] senza eventi ischemici o sanguinamento sono rimasti in trattamento con Aspirina e sono stati randomizzati a continuare la terapia con una tienopiridina versus placebo per altri 18 mesi.
Gli individui sono stati quindi seguiti per altri 3 mesi durante la terapia con Aspirina.

Sono stati considerati gli eventi ischemici ( infarto del miocardio non-correlato alla trombosi dello stent, trombosi dello stent e ictus ischemico ), gli eventi di sanguinamento ( classificazione GUSTO [ Global Utilization of Streptokinase and Tissue Plasminogen Activator for Occluded Arteries ] di sanguinamento moderato o grave ) e il decesso 21 mesi dopo la randomizzazione ( 33 mesi dopo lo stenting coronarico ).

In totale, sono state arruolate 25.682 persone di età superiore a 18 anni con indicazione dello stenting coronarico e ne sono state randomizzate 11.648 ( età media, 61.3 anni, 25.1% donne ).

Dopo la randomizzazione, 478 individui ( 4.1% ) hanno avuto 502 eventi ischemici ( 306 con infarto miocardico, 113 con trombosi dello stent e 83 con ictus ischemico ) e 232 individui ( 2.0% ) hanno avuto 235 eventi emorragici ( 155 con moderato sanguinamento e 80 con grave sanguinamento ).

Tra gli individui con eventi ischemici, 52 ( 10.9% ) sono morti. Il tasso di mortalità annualizzato dopo un evento ischemico è stato pari a 27.2 per 100 anni-persona.
L'incidenza cumulativa di morte dopo un evento ischemico nella popolazione randomizzata dello studio è stata dello 0.5% ( 0.3% con infarto miocardico, 0.1% con trombosi dello stent e 0.1% con ictus ischemico ).

Tra gli individui con eventi di sanguinamento, 41 ( 17.7% ) sono morti. Il tasso di mortalità annualizzato dopo un evento di sanguinamento è stato pari a 21.5 per 100 anni-persona. L'incidenza cumulativa di morte dopo un evento di sanguinamento nella popolazione randomizzata dello studio è stata dello 0.3% ( 0.1% con moderato sanguinamento e 0.2% con grave sanguinamento ).

In conclusione, nei pazienti trattati con doppia terapia antiaggregante per almeno 1 anno dopo impianto di stent coronarico, gli eventi ischemici sono stati più frequenti degli eventi emorragici e entrambi gli eventi erano associati a un elevato rischio di mortalità. ( Xagena2017 )

Secemsky EA et al, JAMA Cardiol 2017; 2: 478-487

Cardio2017



Indietro