CardioPreventariab.it
American Heart Association
Associazione Silvia Procopio

Esiti di gravidanza nelle pazienti con ipertensione arteriosa polmonare associata a malattie cardiache congenite


Esiste una crescente evidenza che la mortalità materna in donne in gravidanza con ipertensione arteriosa polmonare associata a malattie cardiache congenite ( PAH-CHD ) è inferiore a quella dei dati disponibili.
Per valutare questa ipotesi, sono stati raccolti dati sulla gravidanza in donne con ipertensione arteriosa periferica e cardiopatia congenita.

Le donne affette da ipertensione arteriosa polmonare associata a malattie cardiache congenite, seguite in sette Centri francesi, sono state incluse retrospettivamente dal 1997 al 2015.

Sono state gestite in questo periodo 28 gravidanze in 20 donne ( 26 anni in media ) con PAH-CHD. 

Ci sono state 18 gravidanze complete ( 20 o più settimane di gestazione ), 8 aborti e 2 aborti spontanei. 

6 pazienti ( 33% ) hanno presentato gravi eventi cardiaci.

Le donne interessate avevano una bassa saturazione di ossigeno ( 79.6 % vs 89.3%, P minore di 0.01 ).

Le complicanze cardiache più comuni durante le gravidanze complete sono state l'insufficienza cardiaca ( n=4 ) e l'ipossiemia grave ( n=5 ).

L'insufficienza cardiaca era generalmente grave, richiedendo un trattamento inotropico in 3 pazienti, il supporto circolatorio meccanico in 1 e ha portato a 1 morte materna ( mortalità=5.0% ).

Le complicanze ostetriche si sono verificate nel 25% delle gravidanze. Neonati piccoli per età gestazionale sono stati diagnosticati nel 39% ( 7/18 ) dei feti.

12/18 gravidanze ( 67% ) sono state portate a termine con la sezione cesarea, di cui 10 in emergenza per ragioni ostetriche.

La prematurità è stata frequente ( 78% ), ma non si è verificata alcuna morte neonatale.

In conclusione, i risultati della gravidanza in donne con ipertensione arteriosa polmonare associata a malattie cardiache congenite sono migliori di quanto riportato in precedenza, con una mortalità materna pari al 5% nella presente coorte.
Tuttavia, a causa della gravità dell'insufficienza cardiaca e dell'elevato tasso di complicazioni neonatali, le pazienti devono ancora essere avvisate dei rischi di una gravidanza. ( Xagena2017 )

Ladouceur M et al, Heart 2017; 103; 287-292

Cardio2017 Gyne2017 Pedia2017



Indietro