CardioPreventariab.it
ACC Meeting
Associazione Silvia Procopio

Effetto della fortificazione alimentare con Acido Folico sui sottotipi di malattie cardiache congenite


Precedenti studi hanno prodotto risultati inconsistenti sugli effetti dei multivitaminici periconcezionali contenenti Acido Folico e sulla fortificazione alimentare con Acido Folico sui difetti cardiaci congeniti.

È stato condotto uno studio di coorte basato sulla popolazione ( n=5.901.701 ) di tutti i nati vivi e nati morti ( tra cui terminazioni tardive di gravidanza ) partoriti a 20 o più settimane di gestazione in Canada ( ad eccezione di Québec e Manitoba ) nel periodo 1990-2011.

I casi di difetti cardiaci congeniti sono stati diagnosticati alla nascita e nella prima infanzia ( n=72.591 ).
Sono stati confrontati i tassi di prevalenza e le tendenze temporali in sottotipi di difetti cardiaci congeniti prima e dopo il 1998 ( l'anno in cui è stata attuata la fortificazione ).

Uno studio ecologico basato su 22 anni e 14 aree geografiche è stato utilizzato per quantificare l'effetto della fortificazione alimentare con Acido Folico sui sottotipi di difetti cardiaci congeniti non-cromosomiche ( n=66.980 ) dopo aver controllato per variazioni nell’età materna, diabete mellito pre-gravidanza, preeclampsia pretermine, parto plurimo e interruzione della gravidanza.

Il tasso complessivo di prevalenza delle nascite associate a difetti cardiaci congeniti è stato di 12.3 per 1.000 nati totali.

I tassi della maggior parte dei sottotipi di difetti cardiaci congeniti sono diminuiti tra il 1990 e il 2011 ad eccezione dei difetti del setto atriale, che sono significativamente aumentati.

La fortificazione alimentare con Acido Folico è risultata associata a una minore incidenza di difetti conotruncali ( rate ratio aggiustato, aRR=0.73 ), coartazione dell'aorta ( aRR=0.77 ), difetti del setto ventricolare ( aRR=0.85 ), e difetti del setto atriale ( aRR=0.82 ), ma non a gravi difetti cardiaci non-conotruncali (aRR, 0.81) e altre anomalie del cuore o del sistema circolatorio ( aRR=0.98 ).

In conclusione, l'associazione tra fortificazione alimentare con Acido Folico e la riduzione della prevalenza alla nascita di difetti cardiaci congeniti specifici fornisce una modesta evidenza di un beneficio aggiuntivo da questo intervento. ( Xagena2016 )

Liu S et al, Circulation 2016; 134: 647-655

Cardio2016 Pedia2016



Indietro