CardioPreventariab.it
ACC Meeting
American Heart Association

Confronto tra Dabigatran e Warfarin nei pazienti con fibrillazione atriale e cardiopatia valvolare


Lo studio RE-LY ( Randomized Evaluation of Long-Term Anticoagulant Therapy ) ha confrontato Dabigatran ( Pradaxa ) 150 e 110 mg due volte al giorno con Warfarin ( Coumadin ) in 18.113 pazienti con fibrillazione atriale.
Quelli con protesi valvolari cardiache, significativa stenosi mitralica, e malattie delle valvole cardiache con necessità di l'intervento sono stati esclusi.
Sono stati inclusi altri pazienti con cardiopatia valvolare.

È stata effettuata una analisi post hoc dello studio RE-LY.

Sono stati analizzati 3.950 pazienti con qualsiasi cardiopatia valvolare: 3.101 avevano rigurgito mitralico, 1.179 insufficienza tricuspidale, 817 rigurgito aortico, 471 stenosi aortica e 193 lieve stenosi mitralica.

Al basale, i pazienti con qualsiasi cardiopatia valvolare avevano più insufficienza cardiaca, malattia coronarica, insufficienza renale e fibrillazione atriale persistente.

I pazienti con qualsiasi cardiopatia valvolare avevano più alti tassi di sanguinamento maggiore ( hazard ratio, HR=1.32 ) ma simili tassi di eventi di ictus o di embolia sistemica ( HR=1.09 ).

Per i pazienti trattati con Dabigatran 110 mg, i tassi di sanguinamento maggiore sono risultati inferiori rispetto ai pazienti che assumevano Warfarin ( HR=0.73 con malattia cardiaca valvolare; HR=0.84 senza cardiopatia valvolare ) e i tassi di sanguinamento maggiore con Dabigatran 150 mg sono risultati simili a quelli per Warfarin nei pazienti con ( HR=0.82 ) o senza cardiopatia valvolare ( HR=0.98 ).

Per Dabigatran 150 mg, i tassi di eventi di ictus / embolia sistemica erano inferiori rispetto a Warfarin nei pazienti con malattia valvolare ( HR=0.59 ) e in quelli senza cardiopatia valvolare ( HR=0.67 ), e i tassi di eventi di ictus / embolia sistemica erano simili per Warfarin e Dabigatran 110 mg indipendentemente dalla presenza di cardiopatia valvolare ( HR=0.97 e HR=0.88 ).

I sanguinamenti intracranici e i tassi di mortalità per Dabigatran 150 mg e 110 mg erano inferiori rispetto a Warfarin indipendentemente dalla presenza di cardiopatia valvolare.

In conclusione, la presenza di qualsiasi cardiopatia valvolare non ha influenzato il confronto tra Dabigatran e Warfarin. ( Xagena2016 )

Ezekowitz MD et al, Circulation 2016; 134: 589-598

Cardio2016 Farma2016


Indietro