CardioPreventariab.it
Associazione Silvia Procopio
American Heart Association

Confronto farmacodinamico tra Prasugrel e Ticagrelor nei pazienti con diabete mellito di tipo 2 e malattia coronarica


I pazienti con diabete mellito sono ad aumentato rischio di eventi aterotrombotici, sottolineando l'importanza delle efficaci terapie di inibizione piastrinica.
Prasugrel ( Efient ) e Ticagrelor ( Brilique ) riducono le complicanze trombotiche in misura maggiore di Clopidogrel ( Plavix ).

Analisi di sottogruppo di studi clinici di Prasugrel e Ticagrelor rispetto a Clopidogrel hanno mostrato che i pazienti con diabete mellito traggono benefici coerenti con le popolazioni complessive dello studio, sebbene la grandezza della riduzione del rischio ischemico sembri essere migliore con Prasugrel.
Lo scopo di questo studio è stato quello di capire se questi risultati possono essere attribuiti a differenze nei profili farmacodinamici di questi farmaci nei pazienti con diabete mellito.

In questo studio prospettico, randomizzato, in doppio cieco, double-dummy, di crossover farmacodinamico, i pazienti con diabete mellito trattati con Aspirina [ Acido Acetilsalicilico ] ( n=50 ) con malattia coronarica sono stati assegnati in modo casuale a ricevere Prasugrel ( dose di carico di 60 mg / 10 mg dose di mantenimento una volta al giorno ) o Ticagrelor ( 180 mg dose di carico / 90 mg dose di mantenimento due volte al giorno ) per una settimana.

Le valutazioni farmacodinamiche sono state condotte utilizzando 4 esami diversi, tra cui VerifyNow P2Y12, fosfoproteina stimolata da vasodilatatore, aggregometria a trasmissione luminosa e Multiplate, che ha permesso di esplorare le vie di segnalazione delle piastrine indotte e non-indotte da ADP ( indotte da acido arachidonico, collagene, attivante il recettore della trombina, peptide ).

Sono stati valutati gli effetti della terapia acuta ( basale, 30 minuti e 2 ore post-dose di carico ) e di mantenimento ( 1 settimana ).

L'endpoint primario dello studio era il confronto tra unità di reazione P2Y12 determinate da VerifyNow P2Y12 a 1 settimana tra Prasugrel e Ticagrelor.

Le misure di reattività piastrinica indotta da ADP e non-indotta da ADP si sono significativamente ridotte sia con la dose di carico di Prasugrel sia con la dose di carico di Ticagrelor e a dose di mantenimento.

Le unità di reazione P2Y12 definite da VerifyNow sono risultate simili tra Prasugrel e Ticagrelor a 30 minuti e 2 ore post-dose di carico.

A 1 settimana, le unità di reazione P2Y12 sono risultate significativamente più basse con Ticagrelor che con Prasugrel ( 52 vs 83; differenza dei minimi quadrati media: -31; P=0.022; endpoint primario ).

Le valutazioni farmacodinamiche misurate con fosfoproteina stimolata dal vasodilatatore, aggregometria a trasmissione luminosa, e Multiplate sono state simili tra Prasugrel e Ticagrelor in ogni momento, anche a 1 settimana.

I tassi di alta reattività piastrinica durante il trattamento sono stati simili tra i gruppi con tutti i test in tutti i momenti temporali.

In conclusione, nei pazienti con diabete mellito con malattia coronarica, Ticagrelor esercita una inibizione della reattività piastrinica indotta da ADP simile o maggiore di quella esercitata da Prasugrel nelle fasi acute e croniche di trattamento, mentre l'inibizione delle misure di reattività piastrinica non-indotta da ADP non è risultata significativamente differente tra i due farmaci. ( Xagena2016 )

Franchi F et al, Circulation 2016; 134: 780-792

Cardio2016 Endo2016 Farma2016


Indietro